Auto a gas, quatto ruote pro ambiente e occupazione

L’attuale stock di auto a gas circolante in Italia rappresenta il 76,8% del parco europeo per le auto a metano e il 26% per quelle a GPL

Auto a gas, quatto ruote che fanno pro ambiente e occupazione(Rinnovabili.it) – La mobilità sostenibile deve farne ancora tanta di strada in Italia prima di divenire uno dei settori all’occhiello della nuova green economy. Tuttavia c’ è un campo nel comparto dei trasporti ecofriendly in cui il Belpaese detiene un primato a livello europeo: quello delle auto a gas. Secondo la ricerca “Green economy e veicoli stradali: una via italiana” le quattro ruote a gas rappresentano già oggi una  forte leva per il sistema economico italiano; negli anni della crisi, mentre le auto tradizionali hanno conosciuto un drastico calo delle immatricolazioni, quelle a metano e GPL hanno continuato a crescere. Tra il 2011 e il 2012 le immatricolazioni dei veicoli a gas sono quasi triplicate passando dal 5,55% al 13% e nel 2013 la quota di mercato è arrivata al 14,1% (8,9% GPL e 5,2% metano).

Il report, realizzato da Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, con la collaborazione di Assogasliquidi Federchimica e del Consorzio Ecogas, l’attuale stock di auto a gas circolante in Italia è in termini assoluti il più rilevante d’Europa, rappresentando il 76,8% del parco europeo per le auto a metano e il 26% per quelle a GPL. “Le auto a gas – ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile – sono una delle tecnologie “ponte” a basso impatto ambientale che può contribuire a ridurre l’inquinamento dell’aria nelle città, ma non solo, può far bene all’occupazione e all’economia. In Italia c’è una filiera di imprese che ci rende leader nel mondo e che può crescere. Un caso esemplare di green economy dove miglioramenti ambientali producono vantaggi economici e occupazionali”.

 

Inoltre in Italia oltre al produttore (Fiat) c’è una piccola e grande industria dell’ auto a gas che va dalla produzione di impianti per la conversione a GPL e metano, con una rete di trasformazione e assistenza di più di 6.000 officine, al rifornimento stradale (più di 3000 distributori di GPL e 1000 di metano). “Le autovetture a GPL e metano in Italia sono più di 2 milioni e 700 mila – ha dichiarato Alessandro Tramontano, Presidente del Consorzio Ecogas – pari ad oltre il 7% del circolante. Numeri che potrebbero essere molto più importanti, a tutto vantaggio dell’ambiente e dell’occupazione, con la ripresa di politiche di incentivazione. Negli anni scorsi le immatricolazioni a gas sono arrivate a toccare il 21% del mercato e le trasformazioni sono state anche 270.000 all’anno, mentre nel 2014 ci fermeremo purtroppo a non più di 100.000 unità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui