Auto elettrica: l’UK investe milioni nelle infrastrutture di ricarica

Il Dipartimento dei Trasporti britannico stanzia nuovi fondi per ampliare la rete nazionale di charger point, agevolando l’istallazione in case, ospedali, stazioni ferroviarie e autostrade

Auto elettrica: l’UK investe milioni nelle infrastrutture di ricarica

(Rinnovabili.it) – La Gran Bretagna è pronta ad investire 43 milioni di sterline (circa 58 milioni di euro) per sostenere la diffusione nazionale dell’auto elettrica. A darne l’annuncio è il Dipartimento dei Trasporti che sul proprio sito pubblica il nuovo programma di sostegno dedicato ai cosiddetti ultra low emissions vehicles o ULEV (veicoli a emissioni ultra basse). L’intenzione di Londra è quella di supportare economicamente lo sviluppo della rete di ricarica all’interno dei confini nazionali fornendo finanziamenti alle istallazioni, e di far avanzare nel contempo la ricerca britannica dedicata alla settore dell’e-mobility. Nel dettaglio, il programma governativo fornirà nuova linfa (ben 15 milioni di sterline) al regime di incentivi Homecharge Electric Vehicle, lo schema che aiuta i proprietari di auto elettriche a installare stazioni di ricarica domestiche, mentre riserverà 8 milioni di sterline a sostegno delle infrastrutture di ricarica pubblica in ospedali, stazioni ferroviarie e autostrade di tutto il Regno Unito. Altri 9 milioni serviranno invece ad affrontare alcune priorità sul tema – spiega il Dipartimento senza scendere troppo nei particolari -come ad esempio la garanzia che la rete di charger point sia accessibile a tutti gli utenti.

 

Gli 11 milioni di sterline rimasti saranno completamente dedicati all’innovazione made in UK. Si inizierà con il finanziare la creazione di un nuovo materiale riciclato in fibra di carbonio per la realizzazione di telai leggeri e a basso costo, destinati al mercato di massa. Si passerà quindi alla messa a punto di autobus elettrici dotati di fuel cell a idrogeno dalla produzione low-cost, per concludere con un sistema prototipale di alimentazione  e raffreddamento a emissioni zero a base di azoto liquido. “Per i cittadini – ha commentato il ministro dei Trasporti Baroness Kramer – ora sarà ancora più semplice caricare le loro auto elettriche quando saranno in giro […] Il nostro sostegno al settore ULEV contribuirà a garantire che l’innovazione nel comparto automobilistico britannico guidi la sua crescita”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui