Autobus elettrici, si rinforza il mercato italiano

Siemens Italia e Rampini Carlo firmano un nuovo Protocollo d’intesa finalizzato ad avviare una collaborazione in materia di mobilità elettrica urbana

Autobus elettrici, si rinforza il mercato italiano

 

(Rinnovabili.it) – Offrire alle amministrazioni locali soluzioni di mobilità, basata su autobus elettrici al 100% per render le città più sostenibili ma al tempo stesse competitive. Questo l’obiettivo del Protocollo d’intesa firmato oggi  da Siemens Italia e Rampini Carlo SpA. Nel dettaglio, le due società hanno deciso di mettere insieme impegno e competenze per portare sul mercato dei trasporti pubblici una nuova offerta commerciale: autobus completamente elettrici, autonomi dal punto di vista degli impianti di condizionamento e riscaldamento. In realtà, città come Piacenza, Gorizia, Siena e Perugia hanno già accettato la sfida e scelto di testare gli autobus elettrici di Rampini con cuore Siemiens, senza contare i grandi esempi europei come l’apripista di Vienna.

 

“In un’economia globalizzata, caratterizzata da mercati e forza lavoro sempre più dinamici, le città devono essere in grado di attrarre investimenti. E in questo il sistema dei trasporti gioca un ruolo di primo piano”, spiega Federico Golla, Presidente e AD di Siemens Italia. “Tanto più, infatti, un sistema di trasporti urbano è efficiente tanto più contribuisce ad attrarre investimenti e a incrementare la produttività delle città, perché migliora la connettività e riduce le perdite di tempo dovute agli spostamenti”.  L’offerta comprende anche  un sistema di ricarica tramite pantografo, il tradizionale dispositivo a bracci snodabili montato sul tetto che, durante le soste al capolinea, preleva per circa 15 minuti energia dalla linea di alimentazione aerea dei tram per ricaricare le batterie installate a bordo, oltre a recuperare l’energia in fermata; in alternativa può essere sostituibile con infrastruttura di terra in caso di assenza di linea di contatto.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui