Energia: coltivare alghe per biocarburanti tramite pannelli solari

Negli ultimi anni, sempre più ricercatori stanno lavorando per sviluppare metodi più convenienti per la coltivazione di alghe per biocarburanti

Alghe per biocarburanti
Credits: Ke Hugo da Pixabay

Un progetto di ricerca della UC Riverside prova a far crescere alghe per biocarburanti al buio

(Rinnovabili.it) – Le alghe potrebbero competere con il petrolio come combustibile del futuro, ma solo se il processo di crescita fosse più efficiente. Per questa ragione, Elizabeth Hann, dottoranda in biologia vegetale presso l’UC Riverside, sta utilizzando la sua borsa di studio per provare a coltivare alghe per biocarburanti completamente al buio, ma usando l’elettricità generata dal sole.

Secondo le previsioni, nei prossimi anni il bisogno di energia aumenterà e le alghe potrebbero aiutare a soddisfare una domanda in crescita. Questi organismi vegetali, infatti, possono essere convertiti in carburante a basse emissioni senza competere con l’approvvigionamento di cibo o acqua dolce, a differenza di altre fonti per biocarburanti come mais o canna da zucchero. I biocarburanti algali, inoltre, possono anche essere utilizzati nei motori già esistenti e, a differenza del petrolio, sono una risorsa rinnovabile.

Leggi anche Biofissazione della CO2, i vantaggi delle microalghe per energia e clima

Per questa ragione, molti ricercatori stanno lavorando per sviluppare metodi più convenienti per la coltivazione delle alghe per biocarburanti. Ma, come ha sottolineato Hann, ciò che rende diverso il suo progetto è “il fatto che stiamo esaminando specificamente la crescita delle alghe senza i limiti della fotosintesi. Stiamo coltivando alghe nell’oscurità.

Anche se le alghe mancano di radici, steli e foglie, esattamente come le piante terrestri usano la fotosintesi per convertire l’anidride carbonica in cibo per la loro crescita. “Tuttavia, questo processo converte la luce solare in energia utilizzabile a circa il 2% di efficienza, mentre i pannelli solari possono farlo con un’efficienza del 25% o superiore, ha spiegato Hann.

Leggi anche Biodiversity Strategy, l’UE vuole più sostenibilità nelle agroenergie

In altre parole, con la fotosintesi la maggior parte dell’energia della luce solare viene convertita in calore e non contribuisce interamente alla crescita delle alghe. Con i pannelli solari, invece, viene catturata una maggiore quantità di energia, anche se in una forma che le alghe non possono utilizzare direttamente. Ma è proprio qui che entra in gioco la ricerca della Hann.

Fino ad ora, le alghe per biocarburanti sono state coltivate in vasche che utilizzano la fotosintesi tramite luce del sole per provocarne la crescita. “Il nostro lavoro ha l’obiettivo di eliminare la necessità della vasca e dell’accesso alla luce solare. Potremmo potenzialmente coltivare le alghe in uno spazio ristretto, usando solo l’elettricità dai pannelli solari. Sebbene la configurazione iniziale dei pannelli possa essere più costosa della semplice installazione di vasche, secondo la Hann questo costo potrebbe alla fine ripagarsi con l’aumento della produttività. “Probabilmente saremo in grado di produrre più alghe, e quindi più biocarburante per metro quadrato, utilizzando il nostro processo rispetto alla fotosintesi biologica”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui