Distributori di metano: la Lombardia avanza e testa il bio

La Lombardia è la regione che, tra il 2010 e il 2016 ha visto la maggiore crescita di distributori di gas naturale compresso e liquefatto

Distributori di metano

 

(Rinnovabili.it) – La Regione italiana a più alta vocazione per l’autotrazione a metano? La Lombardia. Il territorio è secondo in Italia per numero di distributori di metano ma diventa primo se il parametro calcolato è quello della crescita del comparto. Gli impianti, infatti, sono passati dai 135 a inizio 2013 alle attuali 179 unità, con un aumento del 36,2% della disponibilità di questo carburante negli ultimi cinque anni. Se al dato si aggiunge quello del GPL, la Lombardia non ha rivali.

 

È la stessa Regione a farlo sapere stilando una classifica delle sue provincie più virtuose. La prima della classe, in termini esclusivamente numerici, è Milano con ben 38 impianti di distribuzione. Il capoluogo meneghino è anche il primo comune d’Italia ad aver presentato un progetto per realizzare un distributore di biometano per autotrazione, ottenuto direttamente dalle acque reflue cittadine. Seguono a ruota Brescia (32), Bergamo (22) e Cremona (15).

 

Se si guarda tuttavia al risparmio economico ottenuto (grazie ai carburanti tradizionali non acquistati) e alle emissioni tagliate, i primi due posti si invertono: è Brescia la più virtuosa con 44 milioni di euro risparmiati e 34mila tonnellate di CO2 evitate all’atmosfera. Segue Milano con una riduzione della spesa per il carburante di 40 milioni di euro e 31 mila tonnellate di inquinanti in meno nell’aria.

 

Nel rapporto, invece tra auto a metano e il totale del parco circolante, la provincia con la maggiore incidenza percentuale risulta essere Mantova (2,59%), seguita da Brescia (2,31%), Cremona (2,04%), Bergamo (2%).

“Grazie all’incremento dell’uso dei veicoli a metano, lo scorso anno in regione si sono risparmiati 164 milioni di euro per l’acquisto di carburante (benzina e gasolio) e si e’ ridotta di 127 mila tonnellate l’anidride carbonica nell’aria. A livello nazionale – scrive la Nota pubblicata dal sito www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.itla Lombardia si posiziona tra le cinque regioni più virtuose insieme a Emilia-Romagna, Marche, Veneto e Toscana. I dati sono frutto dell’indagine del Centro studi Promotor”.

Articolo precedenteA chi piace il nuovo capacity market europeo?
Articolo successivoSen: completamente disallineata dall’Accordo di Parigi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui