È made in Italy lo scooter elettrico pieghevole in bamboo

La sostenibilità contagia anche i mezzi di trasporto nell’ultimo miglio grazie alla nuova stratup italia To-Move e all’innovazione firmata Reinova

scooter elettrico pieghevole in bamboo

Lo scooter elettrico pieghevole in bamboo apre un nuovo segmento di mercato

(Rinnovabili.it) – I trasporti di prossimità hanno da oggi una marcia in più, tutta all’insegna dell’innovazione sostenibile. Merito di To-Move, giovane realtà che porterà sul mercato il primo scooter elettrico pieghevole in bamboo. L’iniziativa ha alle spalle Reinova, polo high-tech situato nel cuore della Motor Valley nazionale. Reinova lavora a fianco delle aziende del settore trasporti  fornendo loro servizi di sviluppo, testing e validazione di componenti per l’e-mobility.

leggi anche Le batterie litio-carbonio consentono di ricaricare lo scooter in 90 sec

Un impegno che ha raggiunto i designer Andrea Strippoli e altri talentuosi colleghi del Politecnico di Torino con l’obiettivo di dar vita ad un progetto rivoluzionario nel segmento dell’ultimo miglio. È nata così To-Move, la startup che assieme a Reinova industrializzerà l’innovativo scooter elettrico pieghevole in bamboo.

Primo veicolo “last mile” disegnato e brevettato interamente in Italia, lo scooter unisce un’attenta ricerca dei materiali all’esigenza di leggerezza e praticabilità. Maneggevole e facilmente trasportabile anche in treno ed in aereo, il mezzo semplificherà gli spostamenti di prossimità. E grazie ad uno sviluppo modulare consentirà velocità e accelerazioni diverse, in funzione delle destinazioni d’uso e delle richieste di autonomia.

“Ho deciso di creare questa start up innamorandomi delle idee, della passione e della creatività di 3 ragazzi”, spiega Giuseppe Corcione, Chief Executive Officer di Reinova e Presidente di To-Move. “Sento il bisogno di sostenere lo sviluppo della nuova mobilità in Italia e di creare piattaforme di veicoli completamente nuove e guidate da idee futuristiche che rispettino l’economia circolare”.

Ma lo scooter elettrico pieghevole in bambù rappresenta solo il primo di una serie di progetti innovativi, in uscita nei prossimi mesi. In fase di sviluppo c’è già un veicolo di trasporto a guida autonoma, un “office on the road” di altissimo profilo per le grandi città che accompagnerà le persone in ufficio. Andrea Strippoli, Chief Executive Officer di To-Move aggiunge “Saremo veloci, agili e soprattutto sempre innovativi. Saremo guidati dalla curiosità di esprimere in prodotti ciò che la natura ci mostra! To-Move nasce per unire idee e prodotti italiani. Reinova ed e-power daranno il contributo tecnologico allo sviluppo del Powertrain. Noi daremo il vestito alla migliore tecnologia italiana”.

Articolo precedenteInvestimenti sostenibili, una categoria “ambra” per il gas in tassonomia
Articolo successivoFrancia: nel 2023 la prima centrale a energia osmotica, produrrà 4 TWh l’anno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui