Volvo Trucks vuole un camion a idrogeno da 1000km con un pieno

La società amplia la sua schiera di mezzi pesanti ecologici testando le fuel cell. La tecnologia sarà fornita da cellcentric, la joint venture tra il Gruppo Volvo e Daimler Truck AG.

camion a idrogeno
Credits: Volvo Trucks

Camion a idrogeno nella flotta 2030 di Volvo Trucks

(Rinnovabili.it) – Dopo i camion elettrici a batteria e quelli alimentati a biogas, Volvo Trucks è pronta a mettere alla prova anche l’idrogeno. La società ha annunciato questa settimana di aver iniziato a testare le celle a combustibile sugli autoarticolati di nuova generazione, con l’obiettivo di introdurli sul mercato entro la fine di questo decennio.

leggi anche La diffusione dell’idrogeno è troppo lenta: il ritmo deve triplicare

 “Sviluppiamo questa tecnologia da alcuni anni ed è fantastico vedere i primi tir girare con successo sulla pista di prova”, afferma Roger Alm, Presidente di Volvo Trucks. Parlare di prestazioni e risultati è ancora prematuro ma la società ha ben chiari i suoi obiettivi. Volvo mira ad inserire nel proprio portafoglio camion a idrogeno con un’autonomia paragonabile a quella di molti mezzi diesel in circolazione – fino a 1000 km – e un tempo di rifornimento inferiore a 15 minuti. Ad alimentarli, una coppia di celle a combustibile da 300 kW di potenza, fornite da cellcentric, la joint venture tra il Gruppo Volvo e Daimler Truck AG. Cellcentric costruirà uno degli impianti di produzione in serie più grandi d’Europa per fuel cell, sviluppato appositamente per i veicoli pesanti.

 “La combinazione di batteria elettrica e cella a combustibile  consentirà ai nostri clienti di eliminare completamente le emissioni di CO2, indipendentemente dal tragitto da compiere”, aggiunge Alm. I progetti pilota per i clienti inizieranno tra qualche anno, per poi raggiungere la commercializzazione nell’ultima parte di questo decennio. “I camion a idrogeno saranno particolarmente adatti per le lunghe distanze e i trasporti pesanti”, ha sottolineato il presidente. “Potrebbero anche essere un’opzione nei paesi in cui le possibilità di ricarica della batteria sono limitate”.

leggi anche Centro di Eccellenza ABB E-mobility, qui nasce il futuro della ricarica elettrica

Articolo precedenteIl collasso della biodiversità incenerisce il rating sovrano
Articolo successivoCommercio internazionale: l’UE vuole sanzioni per i partner che sgarrano sul clima

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui