• Articolo Roma, 24 gennaio 2013
  • Un accordo tra Minambiente, Ntv e Eataly

    Minambiente: la sostenibilità viaggia a 300 km/h

  • In viaggio andata e ritorno da Roma a Bologna per dimostrare che ridurre l’impatto ambientale si può

(Rinnovabili.it) – Siglato tra Ntv, Eataly e Minambiente il patto ecologico che nasce con lo scopo di ridurre la produzione di gas ad effetto serra. Per testimoniare l’importanza di un domani a basse emissioni il ministro Clini e il presidente di Eataly, Oscar Farinetti, stanno viaggiando su Italo a 300 km/h dimostrando così il reale interesse per un sistema innovativo di trasporto che coniughi le esigenze di spostamento con quelle della riduzione dell’impatto sull’ambientale.

Aderendo lo scorso dicembre al progetto del Minambiente per la riduzione dell’impronta ambientale le società si impegnano quindi a monitorare le proprie emissioni studiando iniziative di riduzione dell’inquinamento.

Durante il viaggio di andata e ritorno tra Roma e Bologna i firmatari potranno assistere alla presentazione delle virtù ecosostenibili del treno Italo. Costruito con il 98% di materiali riciclabili il convoglio viaggia sfruttando il suo peso ridotto, che gli consente di risparmiare circa il 15% dell’energia in meno per passeggero rispetto ad un treno concorrente. Ciò significa un risparmio energetico annuale di circa 650.000 kWh su un percorso di 500.000 km, con conseguente riduzione nelle emissioni di gas serra.

 

“Il treno è da sempre simbolo di modernità e sviluppo, oggi anche di sostenibilità – ha dichiarato il ministro Corrado Clini – Con questo viaggio vogliamo indicare una strada per l’Italia, che investa sull’ambiente, sulla sicurezza del territorio, sulla qualità dei suoi prodotti e sulle eccellenze. L’esperienza di Italo e Eataly dimostra che le politiche ambientali applicate alla qualità dei prodotti e dei servizi aiutano a essere più competitivi. Il ministero dell’Ambiente ha avviato da alcuni anni un’iniziativa nazionale per il calcolo dell’impronta ambientale dei processi produttivi e dei prodotti. Si tratta di un programma che ormai coinvolge più di 70 imprese, molte delle quali leader a livello nazionale. Tra queste compaiono Italo e Eataly. È per noi un privilegio essere partner di queste realtà virtuose che dimostrano che in Italia si può fare”.