• Articolo Shanghai, 28 novembre 2012
  • Progettata dal team di Gensler, la torre da 632 metri sarà ultimata nel 2015

    Shanghai Tower: il più alto grattacielo a misura d’uomo

  • Nonostante potrebbe diventare il 2° edificio più alto al mondo, la Shanghai Tower promette di trasformarsi nel primo grattacielo ad alta efficienza tecnologica, ma a misura d’uomo

 

 

(Rinnovabili.it) – Quando nel 2014 la Shanghai Tower raggiungerà i 632 metri d’altezza per 128 piani, diventerà automaticamente il secondo più alto edificio al mondo. Stiamo parlando di uno dei progetti, attualmente in costruzione, più importanti mai realizzati dal team di professionisti di Gensler, una sorta di città verticale racchiusa in una spirale vetrata.

A differenza dei grattacieli a cui l’ultimo secolo ci ha abituato, una escalation di innovazioni tecnologiche sempre più complesse fino a sfiorare l’inaccessibilità, i progettisti della Shanghai Tower hanno deciso di compiere un passo indietro, mantenendo come punto fermo l’efficienza energetica finale della struttura, ma riportando al centro dell’attenzione l’essere umano.

Una volta ultimata infatti, la Shanghai Tower ospiterà oltre 20.000 lavoratori, inserendosi nel cuore del quartiere finanziario internazionale della città cinese. E’ questa la chiave di lettura del grattacielo di Gensler, efficienza tecnologica, ma inserita in un contesto puntuale a misura d’uomo nonostante la vertiginosa altezza della torre in sé: “un modo differente di sperimentare un grattacielo” afferma Hao Ko architetto associato alla Gensler.

 

 

 

Dare forma alle prestazioni

I 632 metri della torre sono scomponibili in nove volumi cilindrici sovrapposti, inseriti all’interno di un involucro vetrato basso emissivo a doppia pelle.

 

DOPPIA PELLE – La Shanghai Tower sarà il primo edificio realizzato con facciata a doppia pelle a raggiungere simili altezze. La facciata più interna servirà ad assicurare alle postazioni lavorative centrali il massimo comfort, mentre la facciata più esterna avrà invece la funzione di proteggere dalle condizioni metereologiche esterne gli “skygardens”.

 

SKYGARDENS – Ogni 12- 15 piani troveranno infatti posto dei veri e propri “giardini aerei” che fungeranno da filtro naturale tra esterno ed interno, permettendo agli occupanti della torre di beneficiare dell’effetto calmante del verde anche trovandosi al 100° piano.

 

ENERGIA RINNOVABILE – Per raggiungere la sostenibilità promessa, la torre metterà in campo una serie di turbine eoliche (per una produzione di 350.000 kWh l’anno), un sistema di cogenerazione, impianto geotermico per il riscaldamento e l’aria condizionalta, i giardini pensili per il comfort igrotermico.

 

STRUTTURA ANTIVENTO – Grazie ad un accurata simulazione tramite i programmi BIM, i progettisti sono riusciti a ridurre i carichi del vento del 24%, diminuendo di conseguenza anche la percentuale di materiale necessario.

 

CERTIFICAZIONI – La Shanghai Tower in0ltre è stata progettata per ottenere la certificazione LEED Gold e il rating China Green Building Three Star.