• Articolo Roma, 23 gennaio 2013
  • Un milione di e-bike sulle strade olandesi!

  • Nel 2012 la flotta complessiva di e-bike nei Paesi Bassi ha superato la quota di un milione di unità

L’e-bike ha catturato il cuore degli olandesi. Se per gli italiani questo mezzo di trasporto è ancora troppo spesso considerato una scelta inusuale, i Paesi Bassi stanno dimostrando di aver preso sul serio la faccenda, con una flotta che nel 2012 ha superato addirittura la quota di un milione di unità. L’aspetto più intrigante di questa larga diffusione delle e-bike – e cioè la Bici a Pedalata Assistita -, è che  la gente farà più chilometri su una e-bike che su biciclette standard e in generale molti più chilometri!

 

“Il mercato delle e-bike continua a crescere”, ha detto Otto van Boggelen Coordinatore di Fiets Beraad – uno dei fondatori del potentissimo  Dutch Cycling Embassy olandese -, un think tank per il ciclismo e infrastrutture ciclistiche. “In particolare per le persone oltre 46 anni la bici elettrica è un mezzo molto popolare di trasporto e circa il 10% delle persone in questo gruppo possiede una e-bike”.

 

Nel 2012, circa il 5% di tutte le biciclette nei Paesi Bassi è un e-bike . Secondo Fiets Beraad non passerà molto tempo prima che questa percentuale salirà al 20% e la e-bike sarà anche utilizzata in egual misura tra i giovani.

 

Più chilometri

“E ‘sorprendente vedere che la gente pedala molti più chilometri su una e-bike che su biciclette standard. La differenza è più di dieci chilometri alla settimana in media. “Le persone fino a 46 anni di età pedalano 31,3 km con una e-bike a settimana rispetto a 20,7 su una bicicletta senza pedalata assistita. Nella categoria di età 46-60  lo stesso confronto mostra rispettivamente 30,9 e 17,3 chilometri. Nella categoria più di 65 anni si pedala per più di 31,4 km a settimana, mentre quelli su una bici normale si riducono a soli 15 chilometri.

 

Problemi di sicurezza

Secondo le ultime indagini da parte della VeiligheidNL (Safety NL) non vi è alcuna differenza tra i rischi per la sicurezza tra e-bike e biciclette standard. Nei Paesi Bassi, una media al di sotto dei 9 e-biker all’anno finisce in un ospedale dopo un incidente. “Questo numero potrebbe sembrare molto alto, ma considerato il numero di e-bike sulla strada è estremamente limitato più di 1 milione!!! ndr) “, ha detto uno dei ricercatori di VeiligheidNL. “E ‘notevole notare come le persone che conducono  le e-bike non finiscano in ospedale con lesioni più gravi rispetto agli altri ciclisti con bici tradizionali, dopo un incidente.”

 

L’aumento delle vendite

Le ultime statistiche degli olandesi e le ricerche di mercato GfK Retail and Technology Benelux, indicano che il trend e-bike in vendita è ancora in crescita nei Paesi Bassi. Mentre il mercato delle biciclette totale è in uno stato d’animo depresso, il numero di e-bike venduto nel settembre 2012 è aumentato del 5% rispetto a settembre 2011, e Il prezzo medio è diminuito del 6%!

Dichiarazioni che vengono dal Paese  che ha inventato un nuovo modo di mobilità urbana e  insegnano che l’utilizzo della Bici non deve essere legato alla “tradizione” ma che le  prospettive di un migliore utilizzo della bici vengono anche dalla tecnologia. Nel nostro caso la eBike. Chissà che qualcuno non se ne renda conto e che si attivi per promuovere la rottamazione delle Auto in favore a favore delle Bici tradizionali e a Pedalata Assistita, sarebbe l’ora che nei programmi elettorali sia considerata anche la mobilità dolce urbana…