Fao, aumenta l’indice dei prezzi delle materie prime

Secondo le proiezioni della FAO, l’indice dei prezzi delle materie prime continua a crescere: il mese di marzo ha segnato il decimo aumento mensile consecutivo nei prezzi delle materie prime. Tendenze che dimostrano con chiarezza l’interdipendenza dei mercati alimentari mondiali

prezzi delle materie prime
Foto di free stock photos from www.picjumbo.com da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Marzo ha segnato il decimo aumento mensile consecutivo nei prezzi delle materie prime, come riporta l’analisi della FAO. In testa agli aumenti sono le quotazioni degli oli vegetali e i prodotti lattiero-caseari, una variazione che ha raggiunto il livello più alto da giugno 2014. 

Nel solo mese di marzo l’indice dei prezzi è cresciuto del 2,1%, un aumento trainato dall’olio vegetale che ha registrato +8,0% rispetto a febbraio: i prezzi dell’olio di soia, in particolare, crescono per la domanda crescente nel settore del biodiesel. 

Sempre stando ai dati della FAO, l’indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è cresciuto del 3,9% da febbraio: il prezzo del burro, ad esempio, è determinato da un’offerta limitata e dalla previsione di una ripresa della domanda. L’aumento del prezzo del latte in polvere dimostra con chiarezza la dimensione globale tra causa ed effetto: sono cresciute le importazioni in Asia, in particolare in Cina, a causa del calo della produzione in Oceania e della scarsa disponibilità di container in Europa e Nord America.

Leggi anche Maurizio Martina vicedirettore generale aggiunto della FAO

Non è diverso il trend per il mercato della carne, con i prezzi in volata del 2,3% in un mese determinati dalle importazioni dalla Cina e dall’aumento delle vendite interne in Europa in vista delle festività pasquali, entrambi fattori che hanno fatto crescere le quotazioni di pollame e carne di maiale. Se la carne bovina si è mantenuta stabile, quella ovina è in calo a causa del clima secco in Nuova Zelanda.

Il calo dello zucchero (- 4,0% in un mese) è stato registrato a causa delle prospettive di grandi esportazioni dall’India, pur superando del 30% i livelli del 2020.

Per quanto riguarda i cereali, l’indice dei prezzi dei cereali della FAO è sceso dell’1,8% ma rimane ancora molto superiore a quello del 2020. Le buone prospettive per i raccolti del 2021 fanno diminuire i prezzi all’esportazione del grano come pure del mais e del riso. Le proiezioni della FAO per il 2021 prevedono 785 milioni di tonnellate di produzione cerealicola globale (+1,4% rispetto al 2020), un aumento guidato dall’Europa e da un probabile raccolto record in India.

Leggi anche L’andamento dei prezzi dei prodotti alimentari secondo la Fao

Sono in crescita anche le stime sulla commercializzazione dei cereali: in Cina l’allevamento è in ripresa dalla peste suina africana, e si prevede pertanto un uso maggiore di mangimi di grano e orzo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui