La Giornata per la prevenzione dello spreco alimentare

Nella Giornata per la prevenzione dello spreco alimentare si è visto che in tempo di pandemia i dati sono migliorati, ma i numeri sono ancora troppo alti. Secondo l’Osservatorio Waste Watcher ogni anno sprechiamo 27 kg di cibo a testa

Giornata per la prevenzione dello spreco alimentare
via depositphotos.com

di Isabella Ceccarini

Il 5 febbraio si celebra la Giornata per la prevenzione dello spreco alimentare

(Rinnovabili.it) – Il bilancio della Giornata per la prevenzione dello spreco alimentare al tempo della pandemia è complessivamente positivo. Stare di più a casa, avere più tempo a disposizione per cucinare e necessità di risparmiare hanno riportato in auge i vecchi piatti della tradizione culinaria italiana che sono un’ottima soluzione per non buttare via niente: dalla frittata di pasta alle polpette, dalle torte salate alle polpette, dalle macedonie alle verdure miste ripassate in forno. Se quindi vogliamo trovare un’eredità positiva di questi tempi così difficili è il comportamento responsabile nei confronti del cibo che ha impresso una svolta verde nelle nostre abitudini alimentari: si è preferito optare per i piatti “spazzafrigo” anziché gettare gli avanzi nella spazzatura

Leggi anche Dalla FAO un database su perdita e spreco alimentare

È ancora presto per cantare vittoria: lo spreco alimentare domestico ammonta pur sempre a 27 kg l’anno pro capite, come riportano i dati dell’Osservatorio Waste Watcher, ideato nel 2013 dal prof. Andrea Segrè con l’obiettivo di effettuare monitoraggi annuali dello spreco alimentare domestico, di cui verifica l’impatto a livello economico, sociale e ambientale. Ma nel 2020 per la prima volta da dieci anni a questa parte si è registrato un calo del 25% dello spreco alimentare domestico. L’altra notizia positiva è che per il 66% degli italiani esiste una relazione tra spreco alimentare, salute dell’ambiente e salute dell’uomo. 4 italiani su 10 si dichiarano sensibili ai temi ambientali e 7 su 10 sono d’accordo con i temi del Green Deal.

Spreco alimentare, cifre da brivido

Il costo di quello che sprechiamo fa venire i brividi. Parliamo di 6 miliardi e 403 milioni di euro l’anno a livello nazionale, un costo che arriva a 10 miliardi di euro se si considera lo spreco lungo l’intera filiera del cibo che somma le perdite in campo, nella distribuzione e nel commercio. Il peso è altrettanto sconvolgente: 1.661.107 tonnellate di cibo sprecate in casa che arrivano a 3.624.973 includendo lo spreco di filiera. I single sprecano meno delle famiglie, al Sud si spreca di più che al Centro-Nord e, incredibile, sprecano di più gli italiani con il reddito più basso. Rimane alta l’attenzione al rapporto qualità/prezzo, mentre sono pochi i cacciatori di offerte. 

Leggi anche FAO: 15 consigli per ridurre gli sprechi alimentari e divenire un Food hero

Che cosa si spreca di più in casa? Il triste primato spetta alla frutta fresca (37%) seguita da verdura fresca (28,1%), insalata (21%), pane fresco (21%), cipolle, aglio e tuberi (5%). E perché si spreca? Perché si compra più di quello che serve (in questo le offerte sono una trappola, spesso si tratta di alimenti in scadenza), pochi vanno a fare la spesa con la lista che aiuta a comprare quello di cui si ha effettivo bisogno. Una forma di prevenzione è il congelamento, utilizzato dall’87% degli intervistati.

La maggior parte degli intervistati, davanti all’evidenza delle cifre, è rimasta sbalordita e ha riconosciuto come questo comportamento sia un pessimo esempio per i figli, sia eticamente sbagliato e comporti un danno ambientale perché lo spreco alimentare aumenta la massa di rifiuti da smaltire.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui