I cibi “con” hanno una marcia in più?

I cibi “con” riportano in etichetta la presenza di alcuni elementi in aggiunta agli ingredienti di base. L’Osservatorio Immagino ha svolto un’indagine sui claim più comuni: ricco di fibre, proteine, vitamine, integrale, fonte di calcio, fermenti lattici, Omega 3, ricco di ferro, potassio

cibi con
via depositphotos.com

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – Dopo aver esplorato il mondo dei cibi “senza” questa volta andiamo a scoprire quello dei cibi “con” o “rich-in”. Si tratta di cibi che riportano in etichetta la presenza di alcuni elementi in aggiunta agli ingredienti di base. I claim più comuni sono: ricco di fibre, proteine, vitamine, integrale, fonte di calcio, fermenti lattici, Omega 3, ricco di ferro, potassio. Anche in questo caso l’analisi è stata condotta da Osservatorio Immagino che ha preso in esame 73.590 prodotti (esclusi acqua e alcolici) presenti sugli scaffali di supermercati e ipermercati nell’arco temporale che va da giugno 2019 a giugno 2020.

Nel predetto arco temporale, più di 8.200 prodotti del gruppo di cibi “con” hanno sviluppato un giro d’affari di 3,2 miliardi di euro con una crescita del 4,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quando la crescita registrata era dell’1,7%. I cibi “con” corrispondono a circa il 12,0% delle vendite analizzate dall’Osservatorio Immagino.

L’analisi ha considerato nove claim: fibre, proteine, vitamine, integrale, calcio, fermenti lattici, Omega 3, ferro, potassio. Performance positive per tutti tranne le vitamine in lieve calo (-0,2%) e il ferro, drasticamente in calo (-8,9%).

La tendenza del claim “fibre” – presente sul 4,5% dei prodotti e con una quota sulle vendite del 3,6% – ha registrato un aumento del 5,2% in linea con l’anno precedente. Se per questi prodotti è cresciuta la domanda è cresciuta ancora di più l’offerta: piatti surgelati, preparati per primi piatti, biscotti integrali e tradizionali, fette biscottate e cracker.

Leggi anche L’inarrestabile ascesa dei cibi “senza”

“Integrale”, altro claim gettonatissimo e collegato a quello delle fibre, era presente sul 2,5% delle confezioni esaminate dall’Osservatorio Immagino con un trend complessivamente in crescita sulle vendite (+2,5%) anche se in calo rispetto all’anno precedente che aveva registrato +6,8%. Anche per gli integrali è aumentata l’offerta: farine, cracker, pesce panato surgelato, biscotti integrali e multicereali. 

La parte del leone la fanno gli alimenti arricchiti con “proteine” a cui appartiene ormai il 2,9% dei prodotti rilevati dall’indagine che rappresentano il 3,4% delle vendite. Nel periodo 2019-2020 la crescita è stata del 10,2% (l’anno precedente era stato +7,4%) e in questo caso domanda e offerta sono cresciute di pari passo. Tra i prodotti arricchiti con proteine che hanno registrato le migliori performance ci sono yogurt greco, affettati, fette biscottate e piatti pronti surgelati.

Anche la richiesta di “vitamine” ha avuto un buon successo: presenti sul 2,7% dei prodotti hanno corrisposto al 3,0% delle vendite. Il calo dell’anno precedente era dovuto forse alle minori vendite di latte per l’infanzia e di merende dolci.

La stabilità del claim “calcio” (+0,1%) è dovuto alla vendita di mozzarelle e kefir che, abbinati al gruppo crescenze e yogurt, hanno trainato anche le vendite dei prodotti definiti in etichetta fonte di “fermenti lattici”. Stabile anche la vendita del claim “potassio” (+0,2%) ma con alcune differenze: crescono biscotti integrali, legumi secchi e frutta sgusciata ma diminuiscono integratori e complessi vitaminici. L’incremento delle vendite del claim “Omega 3” (+10,3%) è invece dovuto a prodotti come conserve ittiche e surgelati di pesce.

Leggi anche Etichette alimentari, impariamo a riconoscere nomi e simboli

Maglia nera, infine, per le etichette che riportano fonte di “ferro” (-8,9%) specie per i cereali per la prima colazione e il latte per la prima infanzia. 

L’Osservatorio Immagino ha rilevato anche nuovi prodotti che riportano in etichetta fonte di “magnesio”, “zinco” e “iodio”. Il “magnesio” ha registrato un calo delle vendite in prodotti come integratori e complessi multivitaminici, ma una crescita nei biscotti integrali/multicereali e semi di frutta/vegetali secchi (semi di chia, girasole, sesamo, zucca e misti). Bilancio positivo per lo “zinco” (+5,1%), trainato da integratori/complessi multivitaminici, caramelle, biscotti integrali/multicereali, integratori/acque aromatizzare e frutta secca. Ottima performance per i cibi con “iodio” (+9,5%) presente in elaborati di carne (cotolette, cordon bleu, altri panati), passate di pomodoro e fette biscottate.

Articolo precedenteItalia, ricerca e industria insieme nel patto per l’idrogeno
Articolo successivoTutte le critiche all’allargamento del mercato del carbonio volontario

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui