L’Internet of Things entra nelle aziende zootecniche

La startup genovese Cynomys ha ideato un sistema in grado di monitorare da remoto e in tempo reale le condizioni della stalla e trasmette i dati relativi alla concentrazione di ammoniaca, di acido solfidrico e di altri gas

Internet of Things
Foto di Makalu da Pixabay

(Rinnovabili.it) – L’Internet of Things (IoT) è l’innovazione tecnologica che trova applicazione in molti settori, dalla sanità alla produzione, alla pubblica amministrazione. In pratica sono gli oggetti connessi a Internet: è il riscaldamento che si accende automaticamente quando entriamo in casa o il frigorifero che si accorge quando finisce un prodotto e lo ordina direttamente al supermercato, oppure il monitoraggio dell’illuminazione stradale.  

Se le nuove tecnologie stanno cambiando il volto dell’agricoltura, le aziende zootecniche non rimangono indietro. La sensoristica è già in uso in entrambi i settori, con l’Internet of Things si fa il salto di qualità con la connessione in rete: i dispositivi raccolgono le informazioni e poi le trasmettono grazie alla connessione. Cosa cambia l’impiego dell’Internet of Things in un allevamento?

Leggi anche Dispositivi IoT: nuove celle solari per aumentarne l’efficienza

La startup genovese Cynomys ha ideato un sistema integrato da installare nelle aziende zootecniche (il Cynomys Livestock System) in grado di monitorare da remoto e in tempo reale le condizioni della stalla; in particolare trasmette i dati relativi alla concentrazione di ammoniaca, di acido solfidrico e di altri gas (la loro concentrazione eccessiva può influenzare negativamente il benessere e la crescita del bestiame, di qualunque tipo). Grazie a questo sistema integrato si ricevono anche i dati relativi ai consumi elettrici e idrici. L’insieme dei dati può essere tenuto sotto controllo nella piattaforma cloud di Cynomys Livestock System. Quali sono i vantaggi per l’allevatore? Conoscere la performance dell’allevamento e intervenire tempestivamente nel caso ci siano parametri anomali; la misurazione integrata dei consumi aiuta a individuare gli sprechi; essere avvisati in caso di guasti. 

In questo modo diventa più semplice ottimizzare l’efficienza della catena di distribuzione, curare il benessere degli animali e rispettare i livelli di emissioni di gas serra con effetti positivi per la sostenibilità ambientale.

Cynomycs ha siglato un accordo con DNV GL – Business Assurance, un ente di certificazione di importanza internazionale che si occupa di supportare le performance delle aziende. L’analisi dei dati è fondamentale in tutti i settori; utilizzare blockchain, Internet of Things e Intelligenza Artificiale aiuta anche le aziende zootecniche non solo a rendere più efficienti le performance produttive, ma anche a rendere i processi trasparenti in ogni passaggio. Un requisito a cui anche i consumatori attribuiscono una considerevole importanza.

Leggi anche Biometano avanzato, dalle stalle alle stazioni di rifornimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui