I prodotti ittici tra giusti controlli e criticità

Se le limitazioni imposte alla pesca aggravano la crisi del settore e potrebbero aprire la strada all’importazione di prodotti ittici dall’estero, i controlli sull’import si sono fatti più stringenti e coordinati. Una strategia che tutela sia il consumatore che la qualità del pescato italiano

prodotti ittici
Image by Free-Photos from Pixabay

(Rinnovabili.it) – La Direzione Generale della Pesca e dell’Acquacoltura del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha ridotto a 130-160 all’anno le giornate di pesca consentite alla flotta a strascico italiana che costituisce il segmento più importante per occupazione e produzione ittica.

Il settore è stato messo in crisi dall’emergenza Covid-19, che fatto crollare la vendita di prodotti ittici dovuta anche alla chiusura dei ristoranti. Le giornate consentite dipendono dalla zona di pesca (Gsa) e dalla dimensione delle barche; secondo Coldiretti Impresapesca la mancanza di sostegni e di ammortizzatori sociali rendono non più sostenibile la pesca per la flotta nazionale – che ha ormai un’età media di circa 40 anni mentre gli addetti hanno un’età media di circa 51 anni – e recano notevole danno alle imprese di tutta la filiera. Sempre secondo Impresapesca, ridurre le attività di pesca va a discapito dei prodotti ittici italiani a tutto vantaggio di quelli importati che non offrono le nostre stesse garanzie di sicurezza.

Leggi anche Agricoltura e pesca sostenibili? Con la tecnologia si può

I controlli contro la pesca illegale 

A proposito di sicurezza, sul fronte dei controlli non si abbassa il livello di attenzione. Agire in sinergia rende più efficienti i controlli e consente un’azione più incisiva di tutela dei prodotti ittici italiani, che costituiscono una parte importante dell’agroalimentare italiano di qualità. Con questo obiettivo, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera hanno firmato un protocollo d’intesa per la verifica congiunta sui prodotti ittici provenienti dai paesi extra-UE nella fase di import. Con il protocollo diventa strutturale il Progetto sperimentale NAUTILUS per il contrasto alla pesca non dichiarata e non regolamentata (IUU – Illegal, unreported and unregulated fishing).

Grazie a NAUTILUS, Guardia Costiera e Agenzia delle Dogane hanno iniziato una fase sperimentale di controlli congiunti nel porto di Livorno e nel porto e aeroporto di Venezia per verificare la conformità e la rispondenza della documentazione obbligatoria (certificati di cattura) che accompagna il prodotto ittico importato, ovvero la prima fase del percorso di certificazione della provenienza e della tipologia. Le verifiche potenziano l’azione di contrasto alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata, che depaupera le risorse ittiche e distorce le regole di una corretta concorrenza.

Leggi anche Ri-pescato: viaggio dall’illegalità alla solidarietà per il pesce confiscato

Migliorare i controlli dei prodotti ittici provenienti dall’estero, inoltre, è un passo importante per verificarne la tracciabilità e tutelare maggiormente i consumatori che con i prodotti ittici italiani godono di una certa tranquillità, visto che sono sottoposti a costanti verifiche lungo l’intera filiera dal mare alla tavola.

Articolo precedenteDai rifiuti agricoli torrefatti i pellet migliori
Articolo successivoSpagna, meglio un buon Green Deal che un cattivo Trattato sulla Carta dell’Energia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui