Scarti di patate e rucola per proteggere i cereali e ridurre lo spreco alimentare

Il progetto SUSINCER ha studiato la produzione composti antifungini dai residui della produzione di patate e rucola. Così si contrasta lo spreco alimentare e si proteggono le coltivazioni in maniera sostenibile

spreco alimentare
Foto di jhenning da Pixabay

(Rinnovabili.it) – In Italia ogni anno sprechiamo più di 20 milioni di tonnellate di cibo, quasi un terzo di tutto quello che produciamo: il valore economico dello spreco alimentare è di circa 8,4 miliardi di euro. 

Invertire la tendenza vuol dire introdurre elementi di circolarità nella filiera agro-industriale, ed è proprio l’obiettivo del progetto SUSINCER, coordinato dal coordinato dal CREA –

Cerealicoltura e Colture Industriali e in partenariato con il CREA – Ingegneria e Trasformazioni agro industriali e il CREA – Politiche e Bioeconomia. Il progetto è tra i 12 che hanno ottenuto i finanziamenti del bando della Fondazione Cariplo “Circular Economy for a sustainable future”. 

SUSINCER – Sustainable use of bioactive compounds from Brassicaceae and Solananceae wastes for cereal crop protection

Il progetto è stato lanciato nel 2020 per valorizzare gli scarti dell’industria agro alimentare per trasformare le produzioni di cereali. Non si tratta solo di un’iniziativa che contrasta lo spreco alimentare: è un intervento migliorativo che ambisce a orientare le coltivazioni di cereali verso impatti ambientali bassi e una difesa fitosanitaria sostenibile: dagli scarti di patata e rucola, infatti, si producono dei validi prodotti antifungini.

Il progetto è rivolto innanzitutto agli agricoltori che non hanno a disposizione fungicidi ambientalmente sostenibili e alle aziende produttrici di fertilizzanti interessate allo sviluppo di prodotti che, oltre a essere efficaci, abbiano il valore aggiunto di ridurre lo spreco alimentare. L’idea è coinvolgere ogni attore della filiera agro-industriale per valorizzare il ruolo di tutti. 

leggi anche FAO: 15 consigli per ridurre gli sprechi alimentari e divenire un Food hero

SUSINCER sta introducendo nella filiera agroindustriale una serie di scarti tra cui bucce di patata e residui della produzione della rucola, entrambi fonti di biochemicals. Tali scarti saranno utilizzati a difesa delle colture di mais e frumento sviluppando miscele antifungine e confrontandone l’efficacia con i prodotti già in commercio.

Lo svolgimento del progetto SUSINCER – ha detto Carlotta Balconi, ricercatore CREA e coordinatore scientifico del progetto –  grazie alla molteplicità delle expertises coinvolte, prospetta un avanzamento della ricerca in campo agroalimentare tramite l’utilizzo di molecole bioattive in un contesto di economia circolare e di chimica verde. In particolare, la caratterizzazione e la valorizzazione delle biomasse da colture industriali e il loro reimpiego in agricoltura sostenibile su colture cerealicole ampiamente coltivate nell’areale lombardo, comporterà una ricaduta a favore delle filiere coinvolte; si prevede la condivisione dei risultati e dei metodi sviluppati con la comunità scientifica e con gli stakeholders”.

Articolo precedenteCon i cambiamenti climatici sarà più difficile prevedere le risorse idriche disponibili
Articolo successivoDal bonus condizionatori alle soluzioni ClimaNoStress, come risparmiare d’estate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui