We, The Food, The Planet: l’impatto ambientale nel piatto

I comportamenti alimentari di ognuno di noi fanno la differenza e possono contribuire a migliorare la salute dell’uomo e del Pianeta: semplice, ma molti non lo sanno. “We, The Food, The Planet” è la nuova piattaforma della Fondazione Barilla per capire qual è l’impatto ambientale della nostra alimentazione

We The Food The Planet

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – Sono ormai dieci anni che la Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition è impegnata in iniziative di sensibilizzazione sulla sostenibilità alimentare. L’ultima lampadina si è accesa con We, The Food, The Planet.

I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu sono la bussola che orienta le azioni della Fondazione Barilla: studiare gli ecosistemi e preservarne la biodiversità, adottare uno stile di vita più sano e sostenibile, creare occasioni di incontro e di dibattito sui temi della nutrizione, dell’ambiente e della sostenibilità, promuovere la ricerca in campo agroalimentare con ricercatori ed esperti internazionali, parlare alle persone perché comprendano l’importanza di compiere ogni giorno scelte alimentari consapevoli. I comportamenti alimentari di ognuno di noi fanno la differenza e possono contribuire a migliorare la salute dell’uomo e del Pianeta: semplice, ma molti non lo sanno.

Leggi anche Alimentazione: sostenibilità farà rima con innovazione

Un’esperienza digitale alla portata di tutti

Una delle ultime iniziative di Fondazione Barilla, realizzata con il contributo dell’agenzia indipendente di marketing IMille, è il sito web We, The Food, The Planet (https://www.wethefoodtheplanet.org/it/). Un’insolita esperienza digitale alla portata proprio di tutti – grandi, piccoli, esperti e inesperti digitali – che attraverso interazioni e domande semplicissime incoraggia a scoprire cosa c’è di sbagliato nel nostro comportamento alimentare. Si parte con una “chat con il Pianeta” e via a scoprire buone abitudini da adottare e cattive abitudini da abbandonare. Qual è l’impatto climatico della nostra alimentazione? E quello che mangio fa bene/male alla mia salute e a quella del Pianeta? Si può creare un menù virtuale e vedere quanto costa in termini di Co2, la doppia piramide alimentare mostra che i cibi più sani sono anche quelli che vanno più d’accordo con l’ambiente.

Dal piatto al Pianeta: qual è il nostro impatto?

We, The Food, The Planet sta riscuotendo successo in tutto il mondo. Consapevolezza del problema o semplice curiosità? L’importante è far arrivare il messaggio a più persone possibile. «Il 70% degli under 18 nel mondo è consapevole dell’emergenza climatica, ma solo in pochi sanno che esiste un nesso tra quello che mettiamo nel piatto e l’ambiente (secondo una nostra ricerca 1 giovane su 3 in Italia). Abbiamo lanciato la piattaforma online We, The Food, The Planet proprio con l’obiettivo di fare cultura su cibo, alimentazione e sostenibilità: comprendere queste nozioni significa capire quanto il contributo di ciascuno di noi sia necessario per salvare il Pianeta.

Ricorrere al gioco per fini di apprendimento è efficace perché facilita l’elaborazione di informazioni preziose come quelle legate alle conseguenze delle nostre abitudini alimentari sul Pianeta. Il contributo di IMille è stato prezioso per enfatizzare l’elemento di gamification e la veste grafica contemporanea. We, The Food, The Planet nell’ultimo mese ha raccolto visualizzazioni da più di 20 Paesi con un tempo di permanenza medio superiore ai 5 minuti, testimoniando l’elevato coinvolgimento degli utenti», spiega Alessio Mennecozzi di Fondazione Barilla.

Articolo precedenteTre strade e 7 traguardi 2030 per raggiungere le zero emissioni al 2050
Articolo successivoPer l’accumulo di rete Sandia presenta la nuova batteria al sodio fuso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui