Subsidenza: nel 2040 a rischio inondazione 635 milioni di persone

Realizza la prima mappa globale sul fenomeno globale di sprofondamento del suolo. Può aiutare a individuare nuove aree interessate e a guidare azioni di mitigazione. Secondo lo studio sarebbero coinvolte 1,2 miliardi di persone, il 21% delle principali città del mondo

Subsidenza
Foto di Corinna Behrens da Pixabay

di Tommaso Tetro

Subsidenza in Italia, a rischio Emilia-Romagna, Veneto, Puglia, Toscana, Campania e Calabria

(Rinnovabili.it) – L’abbassamento del suolo, in una parola la subsidenza, è dovuto al prelievo di solidi o fluidi e potrebbe aumentare il rischio inondazioni nel mondo. Tanto che nel 2040 potrebbero essere 635 milioni gli abitanti del Pianeta a vivere in aree a rischio. E’ quello emerge dalla prima analisi globale ad hoc sul rischio subsidenza messa a punto dal Cnr, con i due istituti dedicati a questo; il primo per la protezione idrogeologica (Cnr-Irpi), e il secondo per le Geoscienze e georisorse (Cnr-Igg).

La subsidenza – viene spiegato – è particolarmente impattante nelle zone costiere, dove l’innalzamento del livello del mare dovuto ai cambiamenti climatici è aggravato dall’abbassamento della superficie del suolo. Secondo lo studio le potenziali aree di subsidenza coinvolgono 1,2 miliardi di persone e il 21% delle principali città del mondo; l’86% della popolazione esposta che vive in Asia. In Italia le Regioni più interessate sono Emilia-Romagna, Veneto, Puglia, Toscana, Campania e Calabria.

Leggi anche Clima e crisi idrica stanno facendo sparire Giacarta

“Quasi 200 chilometri della costa adriatica settentrionale sono caratterizzati da una quota inferiore al livello medio del mare o appena sopra di esso – afferma Luigi Tosi, esperto di geoscienze, del Cnr – in queste aree, anche pochi centimetri di subsidenza aumentano la probabilità di inondazione”.

In base allo studio viene stimato anche che l’attuale esposizione economica alla subsidenza potenziale ammonti a 8,17 trilioni di dollari, il 12% del Prodotto interno lordo mondiale. “Una simulazione predittiva al 2040, che prende in considerazione anche gli effetti del cambiamento globale in termini di innalzamento del livello medio del mare – dichiara Mauro Rossi, esperto di modellazione dei rischi idrogeologici, sempre del Cnr – mostra che circa 635 milioni di persone vivranno in aree dove la subsidenza aumenterà il rischio di inondazione”.

Leggi anche L’innalzamento del livello del mare potrebbe superare i 3 metri

I ricercatori hanno messo in evidenza come la subsidenza, che accompagna lo sfruttamento delle risorse idriche sotterranee, sia un fenomeno globale che può causare impatti ambientali, sociali ed economici. Il lavoro è stato pubblicato su Science ed è stato svolto nell’ambito di una collaborazione di esperti (‘Iniziativa internazionale sulla subsidenza dell’Unesco). Poi, è il ragionamento, è stata prodotta una mappa globale per aumentare la consapevolezza e informare le autorità pubbliche; la metodologia può aiutare a individuare nuove aree interessate e a guidare azioni di mitigazione. E’ per questo – si conclude – che pianificatori territoriali, urbanisti e autorità di gestione dei corpi idrici superficiali potrebbero utilizzare le informazioni di questo studio per prevenire o mitigare l’impatto della subsidenza.

Articolo precedenteLa Blockchain per monitorare l’impronta di carbonio negli articoli fashion
Articolo successivoLotta al dissesto del suolo, arrivano fondi per 119 opere in tutta Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui