La nuova mappa dell’aumento del livello dei mari punisce i tropici

Misurazioni più accurate dell’altezza delle zone costiere a livello globale grazie al Lidar (di solito usato solo da economie avanzate, come l’Olanda) permettono di migliorare le previsioni sull’innalzamento degli oceani e il suo impatto

Aumento del livello dei mari: a rischio 410 milioni di persone nel 2100
Foto di sabri ismail da Pixabay

Già oggi sono 267 mln le persone in pericolo per l’aumento del livello dei mari

(Rinnovabili.it) – L’aumento del livello dei mari minaccia 267 milioni di persone. Che possono diventare 410 milioni entro il 2100, nell’ipotesi che l’innalzamento delle acque raggiunga 1 metro sui livelli attuali e che la crescita della popolazione sia pari a zero. Lo rivela uno studio che si basa su un metodo di misurazione di solito usato solo dalle economie avanzate, più accurato e focalizzato sull’altezza delle regioni costiere.

I ricercatori hanno impiegato un sistema laser di sensoristica a distanza chiamato LiDAR per mappare tutte le zone costiere. La fotografia che ne è emersa disegna un quadro dell’aumento del livello dei mari più sfumato di quello presentato da altri studi. Di solito, il rischio legato all’innalzamento degli oceani viene localizzato nel sud-est asiatico. L’Asia è certamente il principale hotspot globale, ma a rischio è tutta la fascia dei tropici.

Leggi anche L’Ipcc è troppo ottimista sull’innalzamento delle acque

La mappa ottenuta tramite Lidar mostra che quasi due terzi delle coste considerabili a rischio (il 62%) è concentrata nella fascia tropicale. Nel sud-est asiatico ovviamente: l’Indonesia, ad esempio, è il paese più colpito visto che l’intera fascia costiera rientra nella zona critica. Ma l’aumento del livello dei mari è una realtà anche per paesi africani come la Nigeria, sottolineano gli autori dello studio. Nel 2100, la fascia tropicale aumenterà ancora il suo peso relativo nella mappa del rischio, arrivando a inglobare il 72% delle coste in pericolo.

Un recente studio del Niels Bohr Institute ha calcolato che, se nello scenario di riscaldamento globale peggiore considerato dall’Ipcc gli oceani saliranno di 1,1m, i modelli su cui si basa non sono del tutto coerenti con le serie storiche di dati. Le nuove stime prodotte dai ricercatori aggiungevano altri 25cm.

Leggi anche Aree costiere italiane: Venezia non è la sola in pericolo

In base ai dati diffusi dall’Enea nel 2019, entro la fine del secolo l’innalzamento del mare lungo le coste italiane è stimato tra 0,94 e 1,035 m nell’ipotesi più ottimistica, mentre in uno scenario di riscaldamento globale più sostenuto l’aumento si attesta tra 1,31 e 1,45 m. Secondo Legambiente le aree italiane a rischio entro la fine del secolo, sommate, coprono una superficie pari a quella della Liguria.

Articolo precedenteBioedilizia moderna: ecco come sfruttare le potenzialità della canapa
Articolo successivoNon lasciate l’idroelettrico ai margini della transizione energetica, dice l’IEA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui