Un Paese sano e una società giusta, l’obiettivo dell’ecotransizione targata Cingolani

Il ministro interviene alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo Sviluppo sostenibile. “Tutti i problemi di sostenibilità sono interconnessi, non si può più separare l’epidemiologia da quello che mangiamo, dal modello di sviluppo economico”. “La transizione per la prima volta ci mette di fronte a un approccio glocal in un’era di debito ambientale, oltre che economico”

roberto cingolani
Credits: MiTE

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Arrivare ad avere un Paese sano e una giusta società. Questo in sostanza l’obiettivo che si pone la transizione ecologica targata Roberto Cingolani: “In questo momento difficilissimo, con la pandemia mondiale del Covid, è quanto più necessario conciliare istanze diverse. Siamo in un momento in cui la sofferenza sociale è elevatissima, e non solo l’economia sta pagando un pegno formidabile. Non possiamo né dobbiamo ignorare le difficoltà che si stanno vivendo”.

Tutti i problemi di sostenibilità sono interconnessi – spiega Cingolani – non si può più separare l’epidemiologia da quello che mangiamo, dal modello di sviluppo economico”: le soluzioni si devono ispirare “al concetto del cobeneficio. Un progetto su cui spero potremo lavorare insieme. Dobbiamo cominciare a guardare al futuro con un’ottica diversa che è quella della prevenzione, serve l’analisi del rischio di tutto quello che facciamo in vista del Recovery plan. Una nazione smart, una nazione sicura, è in grado di prevedere, e per prevedere bisogna avere la possibilità di osservare le cose e metter insieme informazioni diverse, una nazione dove i cittadini hanno coscienza e consapevolezza. Vivendo a Genova sono particolarmente sensibile a questo tema: ho visto il ponte Morandi crollare da casa mia, sono tutte cose che dobbiamo cominciare a mettere nel paniere delle nostre tecnologie”.

Leggi anche E’ nato il MiTE, il Ministero della Transizione Ecologica

Il ministro – intervenendo alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo Sviluppo sostenibile – ha delineato il quadro delle sfide che lo attendono: “Più lavoro sul concetto della transizione, più mi rendo conto di quanto sia importante sviluppare un modello adattivo basato sulla conoscenza della situazione e delle istanze presenti. Quello della transizione ecologica non è concetto univocamente definito tra gli Stati”. Secondo Cingolani c’è infatti un divario “a livello planetario che quello che per noi è transizione per altri potrebbe essere una sfida irraggiungibile”, Così come anche per Paesi di “aree omogenee i punti di partenza possono essere molto diversi”. 

E’ necessario un approccio ‘glocal’, spiega: “La transizione per la prima volta ci mette di fronte a un approccio che non può essere né globale né locale: si usa in genere il termine glocal, ed è questo l’approccio che bisognerà utilizzare. La transizione va oltre il concetto consolidato di ecologia, è una transizione globale e antropologica. L’ecologia dobbiamo pensarla non solo dal punto di vista dell’ambiente, ma dobbiamo pensare all’ecologia della mente, della società, cioè a un sistema che si regga in piedi con delle regole armoniche. La visione è globale ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”.

Per il ministro quella che viviamo è un’era di “debito ambientale, oltre che economico”. Il motivo è che “la biocapacità del nostro Pianeta tra luglio e agosto sarà terminata: “è  spaventoso – dice, parlando dell’Earth overshoot day, il giorno in cui l’umanità consuma le risorse prodotte dalla Terra nel corso dell’anno – le riflessioni per la costruzione di un Piano di transizione ecologica sono numerose. Pensiamo ai cambiamenti climatici: negli ultimi 10 anni 8 di loro sono stati i più caldi di sempre, abbiamo un budget di CO2 che equivale a circa 700 Giga tonnellate e questo, qualora dovesse essere superato, porterebbe a un aumento di temperatura superiore di 2 gradi centigradi al 2040”. 

“Anche nella lotta ai cambiamenti climatici vige il principio fisico della termodinamica: il danno è veloce ma il recupero è lungo. Significa che se portiamo la temperatura più su di 2 gradi, il sistema ci mette poi secoli per raffreddarsi – rileva ricordando come questo porti all’innalzamento del livello dei mari – significa che i nostri figli dovranno combattere con città costiere a rischio e con un ecosistema destabilizzato. Non abbiamo molto tempo, siamo a fine partita”.

Leggi anche MiTE, PNRR e le priorità di Draghi. Parla il senatore Girotto

Nel capitolo sfide trova posto la lotta all’inquinamento e il miglioramento della qualità dell’aria, a partire dall’elettrificazione dei trasporti e la riduzione dei mezzi privati in circolazione, fino alla necessità di avere un’industria “forte ma nello stesso tempo il più sostenibile possibile”. Poi, le città: “L’urbanizzazione è sicuramente una grande opportunità per molte società, ma nello stesso è un generatore di problemi che va controllato”. E ancora, la lotta alla plastica (“un materiale geniale che però biodegrada in tempi lunghissimi”) e “le emergenze come quelle dei batteri antibiotico resistenti, la tecnologia del cibo, e la nanotoxicology” (nanocompositi totalmente artificiali che il nostro sistema immunitario non è in grado di fermare).

“La soluzione non è fermare il progresso, ma nemmeno dire che in nome del progresso si possa fare tutto – conclude – la sostenibilità è un compromesso tra diverse istanze che cambiano nel tempo, e nel post Covid le istanze saranno diverse da quelle che potevamo avere in un momento di grande floridità economica, dobbiamo essere in grado con coscienza e conoscenza di adattare le nostre scelte alle istanze. La correlazione tra un pianeta in salute, le persone in salute e una società giusta è il vero obiettivo della transizione; su questo non abbiamo la ricetta, non ce l’ha nessuno, stiamo cercando di capire dove andare, di capire la direzione”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui