Record di caldo tra i fiordi in Norvegia, l’ondata di calore arriva in Europa

Temperature di 10-15°C sopra la media per tutto giugno, poi negli ultimi giorni la stoccata: 34,3°C a Banak, sul Porsangerfjorden in Norvegia. Infranti tanti altri record locali tra Finlandia e Svezia

Foto di ELG21 da Pixabay

L’ondata di calore è collegata a quella che ha travolto Canada e Stati Uniti settimana scorsa

(Rinnovabili.it) – L’ondata di calore che ha squassato la costa del Pacifico di Stati Uniti e Canada la settimana scorsa non è un evento isolato. Asia centrale e Nord Africa, più o meno negli stessi giorni, hanno registrato temperature da record. E adesso tocca all’Europa. Non alla periferia sud, tra Grecia, Spagna e Italia meridionale, come di solito. Ma alle sue estreme propaggini a nord, oltre il 70° parallelo, in piena regione artica.

Il caldo record arriva in Lapponia, nella parte più settentrionale della penisola scandinava. Negli ultimi 2 giorni un’ondata di calore eccezionale sta riscrivendo tutti i record di temperatura dell’area. A Banak, affacciata sul Porsangerfjorden norvegese, la colonnina di mercurio ha raggiunto i 34,3°C. Mai così caldo da 100 anni in Norvegia: l’unico precedente, di pochi decimali più alto, fu registrato nel 1914. Per il resto, temperature sempre più basse sin dall’inizio della serie storica, a metà ‘800. Ma è record europeo di caldo per le terre oltre il 70° parallelo nord.

Leggi anche Nuovi record di caldo estremo, USA e Canada a 50°C

Sempre la Norvegia protagonista, visto che l’ondata di calore ha segnato molti record di caldo a livello locale. Al faro di Makkaur, che illumina la rotta artica, il termometro è salito a 30,8°C mentre a Tanabru si è spinto fino a 33,4°C. In Finlandia, a Utsjoki Kevo, toccati i 33,6°C. Se proviamo a zoomare all’indietro, vediamo una Scandinavia punteggiata di valori eccezionali. Ma la portata complessiva dell’ondata di calore eccezionale la si coglie meglio guardando un altro dato: da giugno a oggi, la temperatura della regione è stata dai 10 ai 15°C più calda della media storica.

E se usiamo il grandangolo per ottenere una immagine complessiva di quello che sta succedendo, ci accorgiamo che tutte queste ondate di calore sono collegate tra loro. L’evento iniziale è stato un disturbo nella corrente a getto, che prima ha portato ai record in Canada e nel nord-ovest americano, e poi si è propagata nel resto dell’emisfero nord.

Leggi anche È ufficiale, registrato il nuovo record di caldo in Antartide

Articolo precedenteDl Recovery, una freccia spuntata nell’arco della conversione ecologica
Articolo successivoLe luci rimarranno accese anche con 50 milioni di pompe di calore elettriche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui