I sindaci C40 lanciano una “carta dei principi” per piani di ripresa sostenibili

I sindaci di 33 città del mondo vogliono che il clima sia al centro della ripresa economica, migliorando l’equità sociale e garantendo la sicurezza pubblica.

Piani di ripresa
Credits: Free-Photos da Pixabay

La task force C40 pensa a fondi di investimento per piani di ripresa che guardano al futuro

(Rinnovabili.it) – I sindaci di alcune fra le più grandi città del mondo hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta in cui si impegnano a mettere la resilienza climatica al centro dei loro piani di ripresa, sottolineando che il ritorno al business as usual all’indomani della crisi pandemica non potrà e non dovrò essere una scelta praticabile.

“Abbiamo bisogno di un nuovo accordo: una massiccia trasformazione che ricostruisce vite umane, promuove l’uguaglianza e previene la prossima crisi economica, sanitaria o climatica, si legge nella dichiarazione. Così, con queste parole, gli amministratori di molte città hanno già annunciato la necessità di piani di ripresa a basse emissioni di carbonio e sostenibili.

La dichiarazione nasce all’indomani di un incontro nell’ambito della task force C40 di recente costituzione. Sindaci di città europee, statunitensi e africane hanno convenuto nella necessità di coordinare gli sforzi per “creare collettivamente dei fondi di investimento per sostenere la diffusione di veicoli elettrici, piste ciclabili e l’adeguamento degli edifici.

Leggi anche Piano di ripresa: anche il settore bancario vuole un “recupero verde”

La dichiarazione è stata finora firmata dai sindaci in rappresentanza di 33 città del mondo da Los Angeles a Lisbona, da San Paolo a Seul, da Melbourne a Città del Messico, da New York a Seattle, fino a Milano. Inoltre, viene sottolineato che un’azione immediata sul clima “accelererà la ripresa economica e migliorerà l’equità sociale, attraverso l’uso di nuove tecnologie e la creazione di nuove industrie e nuovi posti di lavoro.

A Londra, il sindaco Sadiq Khan ha annunciato l’intenzione di dare più spazio a ciclisti e pedoni in tutta la capitale, nel tentativo di incoraggiare “viaggi ecologici e sostenibili” e prevenire un picco nell’uso delle auto e nell’inquinamento all’indomani del blocco. La decisione è arrivata quando Transport for London ha rivelato che potrebbe esserci un aumento di 10 volte nell’uso della bici, rispetto ai livelli pre-coronavirus, se le persone tornassero al lavoro ma evitassero il trasporto pubblico.

Mike Bloomberg, presidente del consiglio di amministrazione della C40 ed ex sindaco di New York City, ha dichiarato: “Questa task force è impegnata ad aiutare i leader della città per lavorare a piani di ripresa economica in grado di portarci avanti nel futuro, non nel passato. I principi che abbiamo delineato guideranno i nostri sforzi per sviluppare una nuova normalità, che sia più verde, più sana e più prospera per tutti“.

Leggi anche L’industria fossile schiera l’energia rinnovabile per la ripresa economica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui