La ripresa dell’economia post Covid-19 affronti la crisi del clima

La pensa così la maggioranza degli italiani in base all’indagine della Banca europea per gli investimenti. “Il 2020 è stato un anno molto difficile – afferma Ambroise Fayolle, vicepresidente della Bei – gli italiani chiedono una ripresa economica verde. Si tratta di un segnale forte e di un invito a agire”

crisi del clima
Credits: Gerd Altmann da Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – La ripresa dell’economia post Covid-19 deve affrontare la crisi del clima. La pensa così la maggioranza degli italiani secondo l’indagine della Banca europea per gli investimenti (Bei) che misura gli atteggiamenti e le opinioni dei cittadini europei sui cambiamenti climatici nel contesto di un mondo in rapida evoluzione.

Dall’analisi sul clima – giunta alla terza edizione – che rivela come la crisi causata dall’emergenza coronavirus influisca sul modo in cui i cittadini percepiscono gli effetti dei cambiamenti climatici, per il 60% degli italiani la ripresa economica deve tenerne conto. Tanto che per il 68% la crisi sanitaria è la sfida maggiore che l’Italia deve affrontare. Il 92% sostiene che i cambiamenti climatici incidono sulla propria vita quotidiana; il 17% in più rispetto alla media europea del 75%. Un’opinione che sembra prevalere tra la popolazione femminile (94%) della fascia di età compresa tra i 15 e i 29 anni (97%). L’80% è favorevole a misure governative più stringenti di contrasto ai cambiamenti climatici.

Leggi anche Andiamo verso un mondo 3,2°C più caldo, dice l’Emission Gap Report 2020

Il 40% degli intervistati italiani afferma che il loro governo dovrebbe usare qualsiasi mezzo per stimolare l’economia nell’interesse di una rapida crescita economica. Solo il 35% degli italiani ritiene che il loro Paese sia in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici, mentre la media europea è del 41%. E’ una cosa condivisa soltanto dal 25 % degli intervistati di età compresa tra i 15 e i 29 anni, rispetto al 41% di coloro che appartengano alla fascia di età pari o superiore a 65 anni. Al secondo posto delle ‘preoccupazioni’ degli italiani c’è la disoccupazione (63%); segue la crisi finanziaria (47%), e i cambiamenti climatici (al 32%, scesi dal 41% dell’anno scorso).

Facendo un paragone tra le diverse percezioni europee, americane, e cinesi emerge che il 73% degli americani e il 72% degli europei considerano adesso la crisi sanitaria la sfida maggiore che i loro Paesi devono superare. Solo per i cinesi i cambiamenti climatici continuano a essere la sfida maggiore che il loro Paese deve affrontare (61%). Gli intervistati in tutto il mondo sono divisi se sostenere una ripresa verde o adottare le misure necessarie per tornare alla crescita economica prima possibile. Il 57% degli italiani propende per una ripresa economica che tenga conto dell’emergenza clima.

Tra gli americani c’è una sostanziale parità tra coloro che sostengono una ripresa verde (49%) e coloro che propendono per un ritorno a una crescita economica immediata (51%); mentre in Cina si contraddistinguono i cittadini che si schierano a favore di una ripresa verde (73%). Il 66% degli europei pensa che l’Unione europea sia in prima linea nella lotta contro i cambiamenti climatici. In raffronto, il 90% dei cittadini cinesi crede che la Cina sia nella posizione di punta, e il 49% degli americani attribuisce questo ruolo agli Stati Uniti. Il 57% degli italiani crede che l’Ue svolga un ruolo di primo piano nella lotta contro i cambiamenti climatici, rispetto agli Stati Uniti e alla Cina, una percentuale che si raffronta alla media europea del 66%.

Leggi anche Inquinamento dell’aria e Covid-19: ecco come sono legati

Il 2020 è stato un anno molto difficile – afferma Ambroise Fayolle, vicepresidente della Bei – non c’è da stupirsi se Covid-19 sia ora la principale preoccupazione dei cittadini. Allo stesso tempo, gli italiani chiedono una ripresa economica verde. Si tratta di un segnale forte e di un invito a agire per le istituzioni interessate. La Bei si impegna più che mai ad affrontare questa sfida nei prossimi anni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui