L’inquinamento da plastica è una questione di giustizia ambientale

Il rapporto di UNEP e dell’ong Azul legge l’impatto dell’inquinamento causato dalla plastica, in tutte le fasi del suo ciclo produttivo, come una questione che colpisce in modo sproporzionato le comunità più vulnerabili

Giustizia ambientale, UNEP: l’inquinamento da plastica colpisce soprattutto i più vulnerabili
Foto di Hans Braxmeier da Pixabay

La giustizia ambientale manca a tutte le latitudini

(Rinnovabili.it) – L’inquinamento causato dalla plastica colpisce in modo sproporzionato le comunità più vulnerabili. Un problema di giustizia ambientale che riguarda tutte le fasi del ciclo di vita della plastica. Dall’estrazione delle materie prime necessarie alla produzione, fino al consumo e allo smaltimento. Lo sottolinea l’Unep, l’agenzia per la protezione ambientale delle Nazioni Unite, in un report scritto insieme alla Ong Azul dal titolo Neglected: Environmental Justice Impacts of Plastic Pollution.

“Giustizia ambientale significa istruire coloro che sono in prima linea sull’inquinamento da plastica e sui suoi rischi, includendoli nelle decisioni sulla sua produzione, sull’utilizzo e sullo smaltimento, e garantire loro l’accesso a un sistema giudiziario credibile”, puntualizza Inger Andersen, direttrice esecutiva dell’Unep.

Leggi anche Plastica in mare: nel 2040, la quantità di marine litter potrebbe triplicare

Una questione, quello dell’inquinamento causato dalla plastica, che ha una geografia particolare. Secondo il rapporto, a essere colpite sono le comunità più vulnerabili a prescindere dal livello socio-economico e gli indici di disuguaglianza di un paese. Così, ad esempio, paesi così distanti e diversi come gli Stati Uniti e il Sudan condividono diversi aspetti legati all’impatto negativo delle materie plastiche. Succede con il fracking, la tecnica di fratturazione idraulica per estrarre idrocarburi da scisto, che contamina l’acqua potabile in entrambi i paesi.

Il rapporto mette poi in guardia sui problemi di salute tra le comunità afroamericane che vivono vicino alle raffinerie di petrolio nel Golfo del Messico, anche queste negli Stati Uniti. Così come sui rischi affrontati da circa due milioni di raccoglitori di rifiuti in India.

Leggi anche Plastica negli oceani: i 5 Paesi che ammorbano il mondo

“L’inquinamento da plastica è una questione di giustizia sociale”, afferma Marce Gutiérrez-Graudiņš, coautrice e fondatrice e direttrice esecutiva di Azul. “Gli sforzi attuali, limitati alla gestione e alla riduzione dell’inquinamento da plastica, sono inadeguati per affrontare l’intera portata dei problemi che la plastica crea, in particolare i disparati impatti sulle comunità colpite dagli effetti dannosi della plastica in ogni punto, dalla produzione allo spreco”.

Il rapporto affronta il problema anche attraverso il prisma della dimensione di genere. A questo proposito, nota che sono le donne, in particolare, a soffrire del rischio di tossicità correlato alla plastica, a causa della maggiore esposizione complessiva alla plastica a casa e nei prodotti per la cura femminile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui