Per combattere l’inquinamento da plastica l’unica via è produrne meno

“Anche se riciclassimo meglio e cercassimo di gestire i rifiuti il più possibile, rilasceremmo comunque più di 17 milioni di tonnellate di plastica all’anno nell’ambiente”, spiegano 9 scienziati in una lettera a Science

riciclaggio chimico della plastica
Foto di Hans Braxmeier da Pixabay

L’inquinamento da plastica ha una “coda lunga” decenni a causa delle microplastiche

(Rinnovabili.it) – L’unico modo per abbattere l’inquinamento da plastica è ridurne la produzione. È su questo punto che si devono concentrare i negoziati che inizieranno tra un mese, a fine maggio, per riempire di contenuti l’accordo-quadro globale contro la plastica raggiunto in sede ONU poche settimane fa. Lo sostengono 9 scienziati in una lettera pubblicata su Science.

All’inizio di marzo, l’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente ha approvato la prima risoluzione per porre fine all’inquinamento da plastica a livello global. Un passo fondamentale per raggiungere un accordo internazionale legalmente vincolante entro il 2024.

Leggi anche Storico accordo per il Trattato mondiale sull’inquinamento plastico

“Anche se riciclassimo meglio e cercassimo di gestire i rifiuti il più possibile, rilasceremmo comunque più di 17 milioni di tonnellate di plastica all’anno nell’ambiente”, spiega Melanie Bergmann dell’Alfred-Wegener-Institut, promotrice della lettera. “Se la produzione continua a crescere, ci troveremo veramente di fronte a un compito da Sisifo”, aggiunge.

Studi recenti stimano che la nuova plastica sversata ogni anno negli oceani rischia di triplicare in meno di 20 anni, raggiungendo i 700 milioni di tonnellate. Entro la metà del secolo il suo peso supererà quello di tutti i pesci. E poi c’è il problema della “coda lunga” dell’inquinamento da plastica, dovuta al difficile smaltimento delle microplastiche. La concentrazione di frammenti plastici inferiori ai 5 mm nel 2050 potrebbe raddoppiare rispetto a oggi. E alcuni studi paventano un aumento di 50 volte per il 2100, spiegava un recente rapporto del WWF che ha analizzato tutta la letteratura scientifica in materia.

Leggi anche Abbiamo oltrepassato i limiti del Pianeta per la plastica e altre sostanze chimiche

“La produzione in crescita esponenziale è davvero la causa principale del problema, e le quantità di plastica che abbiamo prodotto finora hanno già superato i limiti del pianeta”, aggiunge Bethanie Carney Almroth, co-firmataria della lettera. “Se non affrontiamo questo problema, tutte le altre misure non riusciranno a raggiungere l’obiettivo di ridurre sostanzialmente il rilascio di plastica nell’ambiente”, conclude.

Articolo precedenteVia libera a The Helix, il nuovo HQ Amazon a forma di spirale
Articolo successivoPubblicata la prima analisi della Qualità Tecnica del servizio idrico in Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui