Nella plastiche usate quotidianamente oltre 2.480 sostanze preoccupanti

Gli scienziati dell’ETH di Zurigo hanno passato al setaccio un’ampia gamma di dati su monomeri, additivi e coadiuvanti plastici impiegati nel mercato. E oggi avvertono: “quasi un quarto di tutte le sostanze chimiche utilizzate sono altamente stabili, si accumulano negli organismi o sono tossiche”

plastiche
Foto di Birgit Böllinger da Pixabay

Primo database dei componenti delle materie plastiche

(Rinnovabili.it) – La plastica è pratica, economica, resistente e incredibilmente versatile. Caratteristiche che ne hanno fatto uno dei materiali più utili e diffusi al mondo. Ma oggi questa stessa diffusione getta interrogativi importanti per l’ambiente e la salute, a cui la scienza sta ancora tentando di rispondere. Domande come quella emersa dallo studio dell’ETH di Zurigo che per la prima volta ha prodotto un database dei monomeri, additivi e coadiuvanti utilizzati nella produzione e lavorazione delle materie plastiche. Gli scienziati, guidati dalla professoressa Stefanie Hellweg, hanno passato al setaccio 63 fonti di dati industriali, scientifici e normativi sulle plastiche. E hanno identificato un totale di circa 10.500 sostanze chimiche. Di queste 2.489 sono impiegate dal settore degli imballaggi, 2.429 da quello tessile e2.109 dalle applicazioni del comparto alimentare; alcune sono legate invece ai giocattoli (522) e altre ai dispositivi medici, comprese le mascherine chirurgiche (247).

Leggi anche Salute e inquinamento: le microplastiche possono danneggiare i polmoni

Sappiamo cosa contiene la plastica che usiamo?

Il dato sui componenti non appare inconsueto, ma i ricercatori svizzeri aggiungono un’ulteriore informazione. Delle 10.500 sostanze identificate, 2.480 (circa il 24%) sono classificate come “potenzialmente preoccupanti”. Cosa significa? Che “quasi un quarto […] sono altamente stabili, si accumulano negli organismi o sono tossiche”, spiega Helene Wiesinger, ricercatrice e autrice dello studio. “Queste sostanze sono spesso tossiche per la vita acquatica, causano il cancro o danneggiano organi specifici”.

Ma a preoccupare è anche un altro aspetto. “Molte delle sostanze discutibili sono a malapena regolamentate o descritte in modo ambiguo”, continua Wiesinger. Per la precisone, il 53% di quelle individuate come “preoccupanti” non è regolamentato negli Stati Uniti, nell’UE o in Giappone. In maniera ancor più sorprendente, in queste stesse regioni, 901 sostanze pericolose sono state approvate per l’uso nelle plastiche a contatto con gli alimenti. E per un 10% manca qualsiasi studio scientifico sugli effetti. “Abbiamo riscontrato molteplici lacune nelle conoscenze critiche e nei dati, in particolare per le sostanze e i loro usi effettivi. Ciò in definitiva ostacola la scelta dei consumatori di prodotti in plastica sicuri”.

leggi anche Le alternative alla plastica: ecco i materiali che premiano l’ecologia

Articolo precedenteIl decoupling tra USA e Cina investe le filiere delle tecnologie rinnovabili
Articolo successivoOPI, il primo consorzio sostenibile di filiera corta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui