Pechino “caccia” i residenti per ridurre l’inquinamento

L’amministrazione vuole fare bella figura davanti ai leader mondiali. Per abbattere l’inquinamento chiuderà le scuole e abbasserà i riscaldamenti delle case

Pechino caccia i residenti per ridurre l'inquinamento-(Rinnovabili.it) – Cieli azzurri, strade libere dal traffico e meno inquinamento nell’aria. Ma anche milioni di persone al freddo, scuole chiuse e vacanze forzate. Non sarebbe la Pechino di tutti i giorni, ma è quella che l’amministrazione vuole far vedere ai leader mondiali la prossima settimana, in occasione dell’Asia Pacific Economic Cooperation forum (APEC). Il vertice avrà luogo dal 7 al 12 novembre, e per quella data la capitale cinese vuole presentarsi per quella che non è. Fino ad oggi, infatti, è stata afflitta da livelli di inquinamento oltre la norma, evidenti anche ad uno sguardo distratto. È difficile perfino intravvedere lo skyline dei palazzi, tanto spessa è la coltre di smog che attanaglia la città.

 

Perciò il governo locale ha deciso per la terapia d’urto: chiusura delle scuole, limiti al traffico automobilistico e richieste alle agenzie viaggio di abbattere i prezzi e offrire sconti sui pacchetti vacanza. A pagare il prezzo della decisione di limitare l’attività industriale (in ottobre la crescita della produzione nazionale subirà un calo fra lo 0.3 e lo 0.5%) saranno le provincie di Hebei e Shandong. La prima dovrà abbassare il riscaldamento per gli abitanti al minor livello accettabile (ma da chi?), anche se la regione si trova a fronteggiare temperature piuttosto rigide in questo periodo. Tutte misure che sperano di prevenire il concentrarsi dell’inquinamento sulla città durante il meeting. Come se Barack Obama, il presidente giapponese Shinzo Abe o Vladimir Putin non fossero già a conoscenza delle condizioni mefitiche in cui versa Pechino.

 

Non è la prima volta che la Cina applica toppe sulla falla dello smog in corrispondenza di occasioni in cui le sue metropoli si trovano sotto i riflettori internazionali. È successo per lo stesso vertice APEC a Shanghai nel 2001, quando i residenti hanno avuto 5 giorni di ferie.

Il 19 ottobre i livelli di inquinamento hanno superato di 16 volte il limite fissato dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità). Proprio durante la Beijing Marathon, fatto che ha indotto molti atleti a disertare la competizione. Di conseguenza è cresciuta una nuova ondata di sdegno internazionale per la difficoltà della Cina di pulire l’aria della sua capitale, a dispetto di quanto promesso.

Articolo precedentePetrolio: stimati i danni nel Golfo del Messico
Articolo successivoDalla Svizzera il fotovoltaico bianco per un’integrazione ad hoc

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui