Anche in Italia prende forma il dibattito pubblico, approvate le Linee guida

Per il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini si tratta di “strumento cruciale per il coinvolgimento di cittadini e imprese nelle decisioni sulle grandi opere. Si rende operativo un indispensabile strumento di partecipazione democratica che agevolerà l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza

dibattito pubblico
via depositphotos.com

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Approvata la raccomandazione sulle Linee guida per il dibattito pubblico. Ci ha pensato la commissione nazionale ad hoc, istituita con decreto ministeriale. Per il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini si tratta di “strumento cruciale per il coinvolgimento di cittadini e imprese nelle decisioni sulle grandi opere”. 

Il dibattito pubblico ha infatti il compito di garantire il più ampio coinvolgimento degli enti territoriali e della società civile nei processi decisionali sulle grandi opere che hanno un impatto economico, sociale e ambientale per la collettività. Si occupa di definire in modo concreto in che modo le comunità territoriali potranno intervenire nelle scelte per la realizzazione delle grandi opere. 

Leggi anche DL Fondone: proroga superbonus e 70 mln al polo energetico offshore

Il documento approvato chiarisce i tempi e individua le funzioni che la commissione dovrà svolgere, mette in evidenza il ruolo centrale del coordinatore del dibattito e delle altre figure che intervengono nel procedimento. Molto avrà a che fare anche con il Piano nazionale di ripresa e resilienza, tanto che nel decreto su governance Recovery e Semplificazioni è stato già rafforzato: il dibattito pubblico sarà ampliato, e reso obbligatorio, a una platea maggiore di opere.

I prossimi tre passi prevedono l’individuazione di un elenco dei coordinatori del dibattito pubblico, la predisposizione di un regolamento per i poteri sostitutivi della commissione, e la comunicazione sulle nuove regole del procedimento abbreviato. 

La commissione nazionale per il dibattito pubblico riveste un ruolo cruciale nel promuovere il coinvolgimento dei territori e l’adozione della linee guida contribuisce a rende operativo un indispensabile strumento di partecipazione democratica – afferma Giovannini – sono convinto che l’utilizzo del dibattito pubblico agevolerà l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza facendo in modo che le opere, sulle quali siamo chiamati a costruire lo sviluppo futuro del Paese, siano anche il frutto di una più ampia condivisione con cittadini e imprese”.

Leggi anche Filiera delle tecnologie rinnovabili: Italia 2° produttore europeo

Obiettivo finale è rendere il dibattito pubblico, anche in Italia, un modello di democrazia partecipativa. E’ per questo che nei prossimi mesi saranno organizzati una serie di appuntamenti sul territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui