Record assoluto di calo emissioni di gas serra in Cina, -230 MtCO2 da aprile a giugno

Per la 4° volta consecutiva, i dati trimestrali dei gas climalteranti emessi da Pechino hanno il segno meno. Non era mai successo prima. Il primato sia in termini relativi che assoluti. Lockdown e crescita delle rinnovabili tra le cause

Emissioni di gas serra: continua il calo in Cina, -8% nel Q2
Photo by Anton Eprev on Unsplash

La flessione delle emissioni di gas serra prosegue da giugno 2021

(Rinnovabili.it) – Meno 8%, pari a 232,6 milioni di tonnellate di CO2 (MtCO2). È la riduzione delle emissioni di gas serra che la Cina ha registrato nel secondo quadrimestre 2022. Una cifra da record, la più alta almeno da 10 anni a questa parte, sia in termini relativi che assoluti. Che prolunga una curva in discesa ormai da un anno. E supera anche la decrescita registrata nei primi tre mesi del 2020, quando Pechino aveva subìto il colpo maggiore con i lockdown causa Covid-19. Allora, il rallentamento aveva sfiorato le 180 MtCO2.

Le cause? Sono molte, in parte legate alla corsa dell’energia pulita e in parte dovute all’intreccio di crisi energetica e pandemica. “L’ultimo calo trimestrale è stato determinato dal continuo crollo immobiliare della Cina, dalle severe misure di controllo del Covid, dalla debole crescita della domanda di elettricità e dalla forte crescita della produzione rinnovabile”, spiega Lauri Myllyvirta in un’analisi per Carbon Brief.

Leggi anche Quanto pesano le nuove miniere di carbone sulla politica climatica di Pechino?

Le due voci principali che hanno trainato verso il basso le emissioni di gas serra sono trasporti e cemento. Crolla dell’11% l’output delle raffinerie tra aprile e giugno, segnale del peso che hanno avuto i lockdown per Covid-19 – sempre più numerosi con la politica Zero Covid voluta dal presidente Xi Jinping – sul traffico veicolare. Nello stesso periodo, il contributo emissivo del cemento e dell’acciaio è crollato. La produzione del primo scende del 18%, effetto della crisi immobiliare cinese.

Scende poi del 6% l’uso di carbone termico, che dipende dalla combinazione di crescita delle rinnovabili e una crescita della domanda elettrica molto tenue. “Mentre l’energia termica – in gran parte carbone – continua ad essere aggiunta alla rete, le aggiunte nel 2022 sono al tasso più basso degli ultimi cinque anni”, si legge nell’analisi. Laddove eolico e solare hanno continuato a macinare record mensili.

Leggi anche Crisi Taiwan: la Cina sospende il dialogo sul clima con gli Usa

Il prossimo trimestre potrebbe avere dati piuttosto diversi. “Le emissioni derivanti dalla produzione di energia elettrica sono aumentate nei mesi di luglio e agosto, in quanto un’ondata di caldo record ha aumentato la domanda di elettricità per il condizionamento dell’aria e la siccità ha influito sulla produzione di energia idroelettrica in un periodo in cui solitamente c’è una buona disponibilità di acqua”, nota l’analisi.

Articolo precedenteCrisi energetica: imprese del riciclo in ginocchio, a rischio l’economia circolare
Articolo successivoLa prima batteria domestica a stato semi solido plug-and-play

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui