Corte dei Conti UE: la rete Natura 2000 è allo sbando

Poca chiarezza nella gestione dei fondi, mancato rispetto delle direttive Habitat e Uccelli specie nell’istituzione delle Zone speciali di conservazione: il duro giudizio dell’organismo di controllo UE

Corte dei Conti UE: la rete Natura 2000 è allo sbando

 

(Rinnovabili.it) – La gestione della rete Natura 2000 è inadeguata, il suo monitoraggio e l’impiego dei fondi comunitari insoddisfacenti. È il duro giudizio della Corte dei Conti UE, che avverte: i paesi membri stanno “mettendo a rischio la biodiversità” del continente.

L’indagine si è concentrata su 24 aree distribuite su cinque paesi – Francia, Germania, Spagna, Polonia e Romania – ma ha scandagliato l’uso dei fondi in tutta l’Unione. I finanziamenti provenienti da programmi ad hoc come quello per lo sviluppo rurale non sono stati utilizzati per rispondere alle reali e specifiche necessità di ciascun sito. Inoltre, la Corte dei Conti sottolinea che rimane difficile comprendere quanto effettivamente ogni paese abbia speso nel periodo 2007-2013 e quanto denaro sia stato stanziato per quello successivo che si chiude nel 2021. I quadri di azione comunitaria (Paf) consultati hanno fornito un’immagine non abbastanza chiara, mentre le stime sulle esigenze finanziarie per il periodo attuale non sarebbero corrette.

 

La rete Natura 2000 è il principale network per la conservazione della biodiversità creato nell’UE nonché il progetto su cui fa perno l’intera strategia comunitaria. Istituita tramite le Direttive Habitat e Uccelli, copre il 18% del territorio e circa il 6% delle aree marine e conta 27mila siti protetti. Ma nei cinque paesi presi in esame le Direttive non sono state applicate fino in fondo. Ad esempio, solo 8 dei 24 siti visitati dalla Corte dei Conti sono stati designati come Zona speciale di conservazione ai sensi della Direttiva Habitat, e poche hanno aggiornato i loro piani di gestione della biodiversità.

Risale ad appena un mese fa la creazione della prima red list europea degli habitat, stilata da IUCN e promossa dalla Commissione, che fotografava una situazione tutt’altro che positiva per quanto riguarda la conservazione degli habitat nel continente. I più a rischio sono paludi e pantani: 8 su 10 sono classificati come gravemente a rischio o vulnerabili. Seguono poi le praterie, a rischio in più della metà dei casi, e le acque dolci con più di 4 casi su 10 segnalati in pericolo.

Articolo precedenteViking Grace, l’ibrido LNG-eolico che solcherà le acque baltiche
Articolo successivoRaccolta vetro, un “Piano Straordinario” per il Mezzogiorno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui