Contro i rifiuti di plastica 335 città italiane si rimboccano le maniche

L’Ateneo telematico Unicusano ha aderito all’appello di Plastic Free Onlus e partecipa alla giornata di raccolta di plastica e rifiuti abbandonati. L’iniziativa si svolgerà in contemporanea in tutta Italia con più di 330 appuntamenti

plastica

(Rinnovabili.it) – L’associazione Plastic Free Onlus ha lanciato un appello a liberare il mondo dalla plastica. Docenti e studenti dell’ateneo telematico romano Unicusano hanno aderito con entusiasmo a un’azione concreta a beneficio dell’ambiente. Domenica 26 settembre contribuiranno a raccogliere plastica e rifiuti abbandonati.

L’iniziativa è estesa a tutta Italia. Saranno infatti più di 330 gli appuntamenti in cui i volontari amici dell’ambiente cercheranno di raccogliere qualche tonnellata di plastica abbandonata.

Tutelare l’ambiente è un dovere

Unicusano si è mostrata da sempre attenta all’ambiente e alla sostenibilità. I comportamenti ecosostenibili di Unicusano si concretizzano attraverso la responsabilizzazione di studenti, docenti e personale amministrativo e l’invito all’adozione di buone pratiche a particolare da piccoli gesti come l’uso dei dispenser per l’erogazione dell’acqua presenti nel campus di Roma.

Spiega Stefano Ranucci, vice presidente del CdA di Unicusano: «Per sua natura giuridico-istituzionale, il nostro Ateneo nasce green sin dalla sua istituzione. Ad esempio, il materiale didattico è disponibile in formato digitale per consentire allo studente di studiare senza dover ricorrere a materiali cartacei.

Questa impostazione eco-friendly contribuisce ogni giorno in modo significativo alla riduzione della carta e ai minori consumi di acqua ed energia per la sua produzione e distribuzione. Possiamo quindi definire Unicusano un ateneo ecosostenibile.

Siamo lieti di aderire all’iniziativa Plastic Free e, soprattutto, di invitare tutta la comunità accademica e i propri familiari a partecipare a uno degli eventi sul territorio portando con sé un simbolo del proprio Ateneo (una t-shirt, un cappellino o altro). Non dobbiamo dimenticare che la tutela dell’ambiente è un nostro dovere».

Non abbandoniamo la plastica dopo averla usata

Antonio Rancati, segretario generale di Plastic Free Onlus, sottolinea il valore di questa azione di portata nazionale e si dichiara onorato della partecipazione di Unicusano alla giornata nazionale Plastic Free di domenica 26 settembre. Rancati precisa inoltre che «questi eventi si svolgeranno su tutto il territorio nazionale, per cui studenti e docenti di Unicusano potranno scegliere sul nostro website l’evento che preferiscono.

Considerando le numerose soluzioni green adottate nella sede a Roma e la peculiarità telematica dei suoi corsi di studi – che permettono un risparmio di C02 per i minori spostamenti con mezzi pubblici e privati – ci auguriamo che questa prima collaborazione possa essere il primo passo di un lungo e piacevole cammino insieme per tanti altri eventi in cui promuovere verso le nuove generazioni una maggiore sensibilità sull’uso distorto della plastica usa e getta e, ancora più grave, della plastica che non si vede, quella che diventa microplastica nei fiumi e nei mari per finire nel ciclo alimentare con gravi danni a tutti noi».

Le lodevoli iniziative di raccolta a cura di tanti amici dell’ambiente sono anche un invito a non abbandonare la plastica. Il danno più grande che possiamo fare all’ambiente non è tanto usare un materiale che ha molti impieghi utili, ma lasciarlo dove capita anziché conferirlo negli appositi contenitori per la raccolta differenziata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui