Le prime sneakers completamente biodegradabili, composte di alghe

Scarpe composte di alghe marine: questa l’idea che ha portato tre professori universitari a lanciare sul mercato le prime sneakers biodegradabili.

sneakers biodegradabili
Credits: @ UC San Diego

Creare plastica dalle alghe: come sono nate le sneakers biodegradabili

(Rinnovabili.it) – Stavano cercando un modo per trasformare le alghe in carburante, ma hanno inventato le prime sneakers biodegradabili. Questa vicenda comincia tra i corridoi dell’Università di San Diego e finisce con un business di calzature. I protagonisti sono il professor Stephen Mayfield, professore di biologia molecolare dell’UC di San Diego, e suoi colleghi Michael Burkart e Robert Pomeroy del dipartimento di chimica e biochimica. Dopo sei anni di ricerca e sperimentazioni varie hanno lanciato sul mercato la prima scarpa sportiva biodegradabile, attraverso una società – la Blueview – di cui Mayfield è il CEO.

leggi anche L’enzima mangia plastica che scompone il PET in meno di 24 ore

La loro ricerca sulle schiume in poliuretano ad alte prestazioni ha consentito l’ideazione di suole ecocompatibili. Dallo sviluppo di questo materiale all’ideazione di una scarpa completa, al 100% biodegradabile, il passo è stato breve. I materiali di cui sono composte queste sneakers consente loro di dissolversi completamente nel compost, nel terreno o in mare. Si tratta di un avanzamento notevole, se si pensa al fatto che le suole di gomma possono sopravvivere per secoli.

Mayfield ha raccontato che l’invenzione è stata frutto di due epifanie. “In primo luogo, il petrolio proviene dalle alghe; è solo olio di alghe fossili, e la plastica proviene dal petrolio. Quindi, perché non fare la plastica direttamente da olio di alghe? In secondo luogo, ci sono in realtà plastiche biodegradabili che esistono – non molte, ma ci sono – quindi perché non fare quelle plastiche biodegradabili da olio di alghe?”.

leggi anche Moda circolare: A Firenze arriva ZEROLAB

A quel punto metà del lavoro era fatto, e gli scienziati sono riusciti a produrre una scarpa intera, ad alte prestazioni, completamente composta di alghe biodegradabili. Al momento il gruppo sta inoltre lavorando allo sviluppo di una linea di infradito a base di alghe ma, seppur un business, il core di questo progetto resta ambientale. “Spero che vendiamo così tante delle nostre scarpe che tutti i grandi marchi della moda siano costretti a iniziare a usare materiali bio-based e biodegradabili. Pensate alle compagnie automobilistiche che passano alle auto elettriche. Hanno fatto il cambiamento solo dopo che Tesla sembrava che potesse metterli fuori mercato”.

Articolo precedenteNegli oceani si prepara un’estinzione di massa senza precedenti. Ma possiamo evitarla
Articolo successivoLe future 100 città intelligenti selezionate dall’UE per diventare carbon neutral

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui