Trasformare i rifiuti dell’edilizia in arredi urbani sostenibili: nasce Ricoeso

Lanciata a Roma Ricoeso, la prima start up che trasforma i rifiuti inerti in arredi urbani sostenibili.

arredi urbani sostenibili

Arredi urbani circolari per costruire città realmente sostenibili

(Rinnovabili.it) – Nasce a Roma una nuova start up con l’obiettivo di trasformare i rifiuti di costruzione e demolizione in arredi urbani sostenibili. L’azienda è stata lanciata nel corso del “Festival del Verde e del Paesaggio” (Auditorium Parco della Musica di Roma, 13-14-15 maggio). Ricoeso si è presentata al mondo allestendo nel proprio stand una “città circolare”, esponendo tutti gli arredi di ecodesign presenti in catalogo. Paolo Barberi, socio fondatore, l’ha descritta così: “Ricoeso nasce dalla volontà di contribuire in modo tangibile alla costruzione di città realmente sostenibili, dando l’opportunità ad Amministrazioni Pubbliche e a soggetti privati di poter di essere protagonisti dei processi di economia circolare, in grado di coniugare sostenibilità, estetica e una bassa impronta ambientale”.

L’azienda nasce dalla comunione di esperienze dei 4 partner principali, EcoLogica 2000, che si occupa di riciclo di rifiuti edilizi; Sol.Pre.A, che si occupa di edilizia civile e industriale; Interprogetti (che si occupa di ingegneria marittima, civile e ambientale) e l’architetto ed esperto di urbanistica ed edilizia privata Francesco Ardeani. Le quattro anime della start up lavorano da oltre 10 anni per la sostenibilità ambientale e l’economia circolare.

Le prospettive immediate sono di ampliamento della parthership, allargando a operatori della grande distribuzione. “I nostri manufatti per l’arredo della città e degli spazi aperti pubblici e privati sono al 100% realizzati con materiali riciclati”, evidenzia Barberi, “e presentano caratteristiche pari, se non superiori per qualità e prestazioni, agli stessi arredi prodotti con materie prime vergini frutto delle attività estrattive. Ricoeso nasce dalla volontà di contribuire in modo tangibile alla costruzione di città realmente sostenibili, dando l’opportunità ad Amministrazioni Pubbliche e a soggetti privati di poter di essere protagonisti dei processi di economia circolare, in grado di coniugare sostenibilità, estetica e una bassa impronta ambientale”.

Trasformare i rifiuti in arredi urbani sostenibili

L’azienda è già in grado di offrire un ampio catalogo che contiene panchine, lampioni, fontanelle, portabili, staccionate, cestini, staccionate, cestini, bollard (apparecchi di illuminazione per percorsi pedonali e giardini), pavimentazioni e marciapiedi, blocchi per la realizzazione di pareti armate.

Tutti gli arredi urbani realizzati da Ricoeso sono sostenibili, prodotti al 100% con materiali riciclati. I rifiuti utilizzati provengono dai cantieri edili, sono trattati e aggregati per divenire sabbia o breccia che, rilavorate, sono utilizzate per costruire gli arredi.
La start up prevede supporto anche per la posa dei suoi arredi urbani sostenibili, con la stessa sabbia utilizzata per assemblarli (in confezioni da 25kg).

Articolo precedenteGruppo FS, le fonti rinnovabili copriranno il 40% del fabbisogno 2031
Articolo successivoTra 2018 e 2020, la siccità in Europa ha infranto tutti i record

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui