Cappelli a base di funghi grazie al biomateriale che sembra pelle

Il produttore di cappelli di lusso Nick Fouquet porta sul mercato la collezione Reishi™, prima concretizzazione della tecnologia creata da MycoWorks per trasformare il micelio in un materiale per abbigliamento

biomateriale
Credits: MycoWorks

 Il biomateriale prodotto dai funghi

(Rinnovabili.it) – Il nuovo lusso nel mondo della moda? Indumenti che ricordano la pelle animale al tatto ma che sono costituiti da filamenti di micelio, l’apparato vegetativo dei funghi. A proporli per la prima volta sul mercato è il brand Nick Fouquet attraverso la nuova collezione di cappelli Reishi™. Il nome riprende quello del biomateriale impiegato per realizzarli e creato dalla società di biotecnologie MycoWorks.

L’azienda è nata dalla visione di Philip Ross, artista di San Francisco, che ha iniziato a coltivare il micelio come materiale per l’arte e il design negli anni ’90. Oggi Ross assieme alla collega Sophia Wang ha portato il progetto ad un livello superiore creando e brevettando una tecnologia di ingengerizzazione dei filamenti cellulari dei funghi – la Fine Mycelium™ – con cui creare nuovi  biomateriali. Il primo risultato è per l’appunto Reishi™, un prodotto che può essere sviluppato in base alle specifiche richieste dai progettisti, per garantire che la sensazione al tatto, la consistenza, la funzionalità e la resistenza siano perfettamente uguali alla pelle animale. Ma con impatto ambientale nettamente inferiore.

leggi anche Parte il progetto per la produzione pilota di pelle coltivata artificialmente

“Siamo entusiasti che i consumatori possano ora indossare e godere i modelli realizzati con Reishi™”, ha detto Sophia Wang, Co-Fondatore di MycoWorks & Chief of Culture. “MycoWorks collabora con artigiani e marchi con i quali condividiamo valori artistici, motivo per cui abbiamo collaborato con il famoso cappellaio, Nick Fouquet. Questa collezione mostra la sensazione unica della mano e la versatilità del nostro materiale”.

“I nostri clienti vogliono lusso fatto con materiali che si indossi bene e che li faccia sentire bene”, ha aggiunto Fouquet. “Reishi™ di MycoWorks, è l’unica alternativa di pelle che abbiamo visto che corrisponde alla bellezza, qualità e funzionalità della pelle tradizionale”.

Come è ottenuto Reishi™? La piattaforma Fine Mycelium™ forza le cellule del micelio a crescere in strutture tridimensionali intrecciate in maniera molto densa. Questo lo rende particolarmente resistente, durevole e gli garantisce prestazioni addirittura superiori alle pelle animali. Il biomateriale può essere completamente personalizzato anche rispetto alle caratteristiche superficiali quali colore, drappeggio, intreccio. 

leggi anche La carta ecologica del futuro potrebbe venire dal polline

Articolo precedenteIEA: produzione rinnovabile in aumento mentre rallenta la domanda elettrica 2022
Articolo successivo#EUChooseSafeFood, conoscere per scegliere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui