Vecchie batterie al litio riciclate nella produzione di biodiesel

Un gruppo di ricercatori brasiliani ha dimostrato un nuovo approccio chimico per la produzione di biocarburanti da olio di frittura. Il segreto? Utilizzare come catalizzatori idrossidi ottenuti dalle batterie esauste delle auto elettriche

Vecchie batterie al litio biodiesel
Il sistema bifase contenente biodiesel (fase superiore) e glicerolo (fase inferiore) Credits: Gilberto Maia de Brito

Una seconda vita nel campo della mobilità per le vecchie batterie al litio

(Rinnovabili.it) – Quando si parla di mobilità sostenibile, elettricità e biocarburanti si schierano praticamente agli opposti nella gamma di opzioni d’alimentazione. Eppure tra i due segmenti esiste in qualche modo un filo invisibile. A dimostrarlo è una nuova ricerca brasiliana che ha trasformato componenti di vecchie batterie al litio in nuove risorse per la produzione di biodiesel.

Il lavoro porta la firma del dipartimento di Ingegneria ambientale dell’Università Federale dell’Espírito Santo. Qui, il ricercatore Gilberto Maia de Brito con un gruppo di colleghi, ha dimostrato un nuovo approccio chimico per la sintesi del carburante dagli oli di cottura esausti. “Il biodiesel ecologico è un combustibile alternativo prodotto attraverso una metodologia sostenibile che utilizza fonti rinnovabili come materia prima”, spiega il team nel paper pubblicato sul Journal of Renewable and Sustainable Energy (testo in inglese). “In questo lavoro, i biofuel sono stati prodotti utilizzando una fonte innovativa di catalizzatori, una miscela di idrossidi metallici: litio-sodio (LiOH + NaOH) o litio-potassio (LiOH + KOH)”. Entrambi questi elementi arrivano dalle vecchie batterie al litio riciclate.

Leggi anche Ioni di litio: il riciclo batterie è realtà ma la Cina domina il mercato

Gli scienziati hanno raccolto campioni di oli esausti provenienti da catene di fast food e abitazioni per utilizzarli come materia prima grezza oleosa, senza alcun pre-trattamento. Quindi hanno processato questi rifiuti tramite transesterificazione, tecnica che può produrre carburante in pochi minuti e a temperatura ambiente. La reazione è stata accelerata dai catalizzatori a idrossidi metallici, ottenuti dal riciclo batterie. “I risultati raggiunti in questo lavoro consentiranno di espandere l’uso di nuovi tipi di catalizzatori metallici ad un livello superiore, nella produzione di biodiesel“, ha affermato Maia de Brito. “Prima, in pratica, questi erano limitati all’idrossido di sodio e all’idrossido di potassio”.

Quando aiutata dagli idrossidi metallici, la reazione di transesterificazione divide l’olio da cucina in uno strato di biodiesel e in uno di glicerolo, che può essere a sua volta destinato a diversi impieghi industriali.

Con le giuste proporzioni di catalizzatori, il gruppo è stato in grado di produrre biodiesel con una resa media del 90% e un ottimo grado di purezza. “Siamo rimasti sorpresi dai risultati”, ha affermato Maia de Brito. “Anche la rapida separazione di fase e le principali proprietà chimiche e fisiche di questo biodiesel risultano sorprendenti”.

Leggi anche Bioraffineria, dagli oli vegetali di scarto il nuovo petrolio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui