Torna ReFresh: il progetto per le Scuole Zero Waste

Il progetto ReFresh, giunto alla sua terza edizione, ambisce a rendere le scuole Zero Waste attraverso percorsi formativi rivolti alle nuove generazioni

scuola innovativa
Foto di 潜辉 韦 da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Il progetto ReFRESH – Free From Trash è giunto alla terza edizione: la proposta educativa, rivolta alle scuole di ogni ordine e grado, ambisce a costruire scuole Zero Waste attraverso percorsi educativi rivolti ai più giovani, per orientarli a stili di vita sostenibili.

Le attività sono curate dalle associazioni Inspire e TerraLab Onlus, che da settembre terranno i corsi di formazione,  rivolti alle scuole su pratiche zero waste, autoproduzione, orticoltura e mindfulness. 

Educatori professionali intraprenderanno con le classi percorsi di consapevolezza ed educazione agli stili di vita compatibili con le esigenze del nostro Pianeta. 

Un metodo educativo alternativo per le scuole zero waste

Le organizzazioni promotrici del progetto utilizzano strumenti e metodologie didattiche alternative ai tradizionali, come l’educazione outdoor, l’apprendimento esperienziale e il learning-by-doing.

Non si tratta soltanto di imparare buone pratiche: nel corso del progetto gli studenti coinvolti apprendono tecniche contemplative, di respirazione di connessione con la natura, e le attività sono rivolte agli studenti solo in prima istanza, ma riguardano anche le loro famiglie e il personale scolastico. 

“L’educazione – spiega la nota di Inspire e TerraLab – è alla base di quel cambiamento concreto e duraturo di cui abbiamo bisogno”, e per questo le due associazioni sono a disposizione per la realizzazione gratuita delle proprie attività. “L’intento – spiegano – è poter offrire l’opportunità di partecipare a qualsiasi istituto, fornendo gli strumenti e le soluzioni per risolvere le problematiche che minacciano il nostro Pianeta”. 

Il progetto è realizzato con i fondi raccolti attraverso una campagna di crowdfunding, appena lanciata, per sostenere le attività educative proposte. 

Articolo precedenteCirconomia 2022: al via la VII edizione del festival dell’economia circolare
Articolo successivoIl giusto costo sociale della CO2? Almeno 185 dollari la tonnellata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui