L’impianto eolico del futuro? Avrà turbine alte più di 130 metri

Aerogeneratori più alti, progetti più grandi ma prezzi più bassi. Questo il quadro al 2035 dipinto da oltre 140 esperti del settore per il mondo eolico

impianto eolico del futuro
Foto di Lukas Bieri da Pixabay

Immaginare l’impianto eolico del futuro

(Rinnovabili.it) – Saper prevedere con largo anticipo le caratteristiche chiave dell’impianto eolico del futuro, potrebbe influenzare già oggi l’orientamento del mercato e della finanza. Ecco perché un gruppo di scienziati negli Stati Uniti ha voluto indagare sul domani del comparto e fornire un nuovo punto di riferimento. Lo studio, svolto dai ricercatori Philipp Beiter ed Eric Lantz del National Renewable Energy Laboratory (NREL), insieme ai colleghi del Lawrence Berkeley National Laboratory, ha raccolto le opinioni di oltre 140 massimi esperti dell’eolico a livello mondiale. E partire da queste ha identificato le aspettative per i progetti di impianti eolici al 2035. Sia a terra che in mare.

leggi anche Eolico offshore nel Sud Italia, il MiTE studia le proposte e prepara gli incentivi

I risultati del sondaggio superano le vecchie stime di settore. Nello scenario più probabile, gli esperti prevedono che l’altezza delle turbine eoliche onshore raggiungerà i 130 metri nel 2035 e una potenza media di 5,5 MW per unità. Per l’eolico in mare sono previsti invece aerogeneratori alti ben 151 metri per una capacità singola di 17 MW. Portando la taglia degli impianti a circa 1,1 GW nel caso di turbine con fondamenta fisse e 600 MW per quelle galleggianti. Queste e molte altre scelte progettuali potrebbero comportare una riduzione dei costi dell’energia (LCOE) del 27% per i sistemi a terra e del 17%–35% nel caso di impianti offshore entro il 2035 rispetto a oggi.

“La nostra ricerca fornisce un punto di riferimento necessario per rappresentare le future tecnologie eoliche nei modelli del settore energetico”, ha affermato Beiter. “Spiegando l’economia dietro le scelte di progettazione dell’eolica, questo articolo affronta una lacuna critica”.

Gli autori hanno identificato i meccanismi economici che guidano questi cambiamenti progettuali, comprese le economie di scala da turbine più grandi, impianti di dimensioni maggiori e una maggiore flessibilità di ubicazione. Scopri di più sullo studio “Expert perspectives on the wind plant of the future”, Wind Energy (2022). DOI: 10.1002/we.2735

Articolo precedenteNuova tecnica per estrarre idrogeno dai vettori in maniera veloce ed economica
Articolo successivo100 comunità rinnovabili in 100 Comuni, l’obiettivo 2022 del Lazio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui