Cosa succede quando le turbine eoliche invecchiano?

WindEurope ha presentato un nuovo documento di orientamento del settore finalizzato a supportare le operazioni di smantellamento e riciclo degli aerogeneratori on-shore

turbine eoliche invecchiano
Image by TeeFarm from Pixabay

Ripotenziamento, estensione della vita o riciclo: i tre anti-age delle turbine eoliche

(Rinnovabili.it) – Cosa succede quando le turbine eoliche invecchiano? Una domanda che sta divenendo sempre più attuale in Europa, prima regione ad aver spalancato le braccia all’energia del vento. Attualmente nel Vecchio Contenente vi sono 34mila aerogeneratori on-shore con alle spalle più di 15 anni di vita. Insieme rappresentano 36 GW di capacità degli oltre 205 GW eolici totali installati. Una quota importante distribuita per lo più in Germania, Spagna, Francia e Italia. Per molte di queste macchine il fine vita è ormai prossimo. La durata operativa di una turbina è, infatti, intorno ai 20-25 anni. È intuitivo che riuscire a gestire nel migliore dei modi l’invecchiamento delle wind farm, sia oggi un aspetto cruciale per i piani di crescita verde comunitari.

Il tema è stato al centro di un webinar organizzato in questi giorni da WindEurope discutere, con esperti del settore, le ultime tendenze e sviluppi in materia di repowering (ripotenziamento), estensione del ciclo di vita, smantellamento e riciclaggio.

Leggi anche L’eolico galleggiante si bagna nel Mare di Sicilia: maxi progetto da 2,9 GW

Secondo quanto confermato dall’associazione, l’Europa ha “ripristinato” con interventi di aggiornamento della potenza almeno 123 parchi eolici. Un trend ancora contenuto che dovrebbe però accelerare nei prossimi 10 anni coinvolgendo altri 20 GW. “Il repowering sta avvenendo e crescerà in futuro. È una grande opportunità per ottenere più energia dagli attuali parchi eolici. Il ripotenziamento riduce di un terzo il numero di turbine triplicando la produzione elettrica“, spiega Giles Dickson, CEO di WindEurope. “E preserva i siti esistenti che spesso hanno le migliori condizioni di vento. I governi hanno bisogno di strategie di repowering che definiscano il quadro giusto e garantiscano procedure di autorizzazione efficienti per queste operazioni”.

Anche l’estensione della durata è anche un’opzione interessante per gli operatori. Soprattutto nei siti in cui il repowering non rappresenta un’opzione valida. WindEurope stima che la metà della flotta eolica europea otterrà un “bonus tecnologico” per funzionare altri 5-10 anni. E se neppure e questa opzione è fattibile, le turbine eoliche devono essere completamente smantellate e riciclate. E la tecnologia sta dando una grande mano al comparto. Attualmente l’85-90% di una turbina viene riciclato. La porzione più difficile da recuperare sono i materiali compositi che costituiscono le pale.

Leggi anche Pale eoliche, come trasformare i rifiuti in nuove risorse

“WindEurope vuole aiutare a guidare gli sforzi dell’Europa per creare un’economia circolare”, afferma Dickson. “Vogliamo uno standard internazionale che definisca come disattivare gli aerogeneratori”. Per dare una mano concreta al comparto, l’associazione ha redatto un documento di orientamento sullo smantellamento e la disattivazione delle turbine eoliche. La guida offre una panoramica completa delle norme e dei regolamenti a livello europeo e nazionale. E definisce le migliori pratiche per il decommissioning, con raccomandazioni anche per la salute e la sicurezza.

WindEurope ha presentato il documento (pdf) alla Commissione elettrotecnica internazionale (IEC) TC88 come input per la modifica in corso della specifica tecnica 61400-28 CD che si concentra sulla fine del ciclo di vita delle turbine eoliche. “Ci auguriamo che ciò contribuisca alla creazione di uno standard industriale internazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui