Energia pulita dalla pipì grazie a PeePower

Nel campus dell’Università di Bristol è stata installata la toilette che produce energia pulita dall’urina con un sistema di celle a combustibile microbico

b_720_0_0_0___images_stories_users_eggired_Torino_Smart_city_1371-Turin_piazza_san_carlo_2009

 

(Rinnovabili.it) – Nel campus della University of the West of England a Bristol è stato inserito il prototipo di PeePower, la toilette intelligente che produce energia pulita dall’urina.

Il progetto è frutto della partnership tra il Bio Energy Center dell’università di Bristol ed i ricercatori dell’università di Oxfam, che hanno collaborato allo studio di questo prototipo nella speranza che un giorno possa essere prodotto su vasta scala per illuminare accampamenti di emergenza.

Il processo di trasformazione della pipì in elettricità è dovuto alla capacità del bagno pubblico di immagazzinare energia biochimica in batterie a combustibile microbiche, anche dette MCF.

 

“Le celle a combustibile microbico funzionano utilizzando microbi vivi che si nutrono di urina per la propria crescita e manutenzione. L’MCF è un sistema che attinge alla parte dell’energia biochimica che permette la crescita microbica e la converte direttamente in energia elettrica, quella che chiamiamo scherzosamente urinetricity o peepower.” Racconta il professor Ioannis Ieropoulos, direttore del Bristol BioEnergy Center che guida il gruppo di ricerca.

 

La tecnologia secondo la UWE sarà abbastanza economica dato che una cella a combustibile microbic0 costa circa 1 pound e l’intera toilette si aggira sui 600 pound, poco meno di 860 euro.

Questo sistema per produrre energia pulita è pensato per dotare di energia elettrica i campi profughi o gli accampamenti improvvisati. L’aspetto del prototipo è il più simile possibile ai bagni di emergenza che si installano in questi luoghi e un vetro posto sotto il wc permette di osservare l’impianto a celle a combustibile microbiche mentre lavora per la trasformazione dell’energia.

 

Andy Bastable, capo del dipartimento servizi igienico-sanitari alla Oxfam commenta: “La Oxfam è molto esperta nel fornire servizi igienico sanitari in zone colpite da catastrofi ed è sempre una sfida illuminare le zone inaccessibili lontane dalle prese di corrente. Questa tecnologia è un enorme passo avanti. Vivere in un campo profughi è già abbastanza difficile senza la minaccia di essere aggrediti in posti bui durante la notte.”

 

I ragazzi del campus possono testare praticamente la toilette innovativa che è stata posizionata accanto al bar del sindacato degli studenti dove dopo una bevuta si può contribuire alla produzione di energia pulita.

 

Energia pulita dalla pipì grazie a PeePower

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui