785 milioni di euro per le nuove infrastrutture dell’energia pulita

La Commissione europea lancia oggi un nuovo invito a presentare proposte per i principali progetti di infrastrutture energetiche transfrontaliere incluso nel 4° elenco UE di progetti di interesse comune (PCI),

infrastrutture dell'energia pulita
via depositphotos.com

IL CEF-Energy 2021-2027 offre risorse dedicate alle infrastrutture dell’energia pulita

(Rinnovabili.it) – Ben 785 milioni di euro per cofinanziare infrastrutture dell’energia pulita che comportino significativi vantaggi socioeconomici e una maggiore solidarietà tra gli Stati membri. L’annuncio arriva oggi dalla Commissione europea con il lancio della prima call for proposals per i progetti infrastrutturali transfrontalieri, afferente al nuovo fondo CEF (Connecting Europe Facility).

Lo scorso anno l’Unione ha fissato un ambizioso obiettivo climatico: divenire il primo continente a zero emissioni entro il 2050. Perché ciò accada, i paesi dovranno necessariamente aumentare la produzione energetica rinnovabile e l’efficienza energetica. Un percorso che vedrà aumentare l’elettrificazione dei consumi e decrescere progressivamente il ruolo del gas naturale. “Un’infrastruttura energetica ben pianificata e integrata è essenziale per raggiungere questi obiettivi”, spiega l’esecutivo UE. “È la parte del sistema che consente di incorporare l’energia rinnovabile in rete, di trasmetterla e distribuirla in tutta l’UE dalla fonte di approvvigionamento (importata o generata all’interno dell’UE) all’utente finale; o immagazzinarla fino a quando non è necessario”.

Leggi anche Legge sul clima UE, -55% di emissioni da raggiungere ‘collettivamente’

L’urgenza di sposare i target del Green Deal ha fatto sì che nel fissare il nuovo budget (5,83 mln) del CEF-Energia 2021-2027, l’Unione abbia riconosciuto il ruolo chiave che le infrastrutture dell’energia pulita. E abbia anche introdotto una nuova finestra di finanziamenti per i progetti rinnovabili transfrontalieri. La sfida è adattare gradualmente il sistema comunitario all’abbandono delle fonti fossili (oggi per lo più importante); garantendo che tutti i cittadini e le aziende del Blocco continuino ad avere un accesso sicuro ed economico all’energia.

Per richiedere finanziamenti nell’ambito del CEF-Energia (contributi per studi o lavori), i progetti devono prima rientrare nell’ultimo elenco PIC – progetti di comune interesse, che la Commissione adotta ogni due anni. E per essere definiti PCI, le iniziative devono comportare un vantaggio significativo per almeno due Stati membri. Come? Incrementando la competitività, rafforzando la sicurezza energetica e contribuendo alla sostenibilità.

Leggi anche L’UE ha ignorato l’impatto climatico dei progetti prioritari sul gas

Articolo precedenteFuorisalone e Icona: quando il design diventa visionario
Articolo successivoIdroelettrico: EGP cerca dispositivi innovativi intelligenti per misurare la portata dell’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui