Austria: prossimo obiettivo? 100% di rinnovabili elettriche al 2030

Con l’approvazione della nuova legge di espansione rinnovabile, il Paese compie un passo deciso verso la completa decarbonizzazione del settore elettrico

rinnovabili elettriche
Foto di David Mark da Pixabay

L’Austria spinge su fotovoltaico ed eolico per far crescere le rinnovabili elettriche 2030

(Rinnovabili.it) – Luce verde per la Erneuerbaren-Ausbau-Gesetz (EAG), la nuova legge di espansione rinnovabile dell’Austria. Il provvedimento è stato approvato in queste settimane dal parlamento e accolto con entusiasmo dal comparto verde nazionale. D’altra parte l’obiettivo dell’EAG è importante: raggiungere il 100% di rinnovabili elettriche entro il 2030. In altre parole il Paese si è dato 10 anni di tempo per ripulire completamente la propria domanda di elettricità. Un target ambizioso che parte tuttavia da un’ottima base. Oggi l’Austria conta già sul 75% di consumi elettrici coperti dalle green energy, merito per lo più dell’idroelettrico. Per raggiungere la meta 2030, avrà bisogno di aumentare la produzione verde dagli attuali 54 TWh a 81 TWh entro la fine del decennio. La legge suddivide questa crescita in 11 TWh di nuovo fotovoltaico, 10 TWh di nuovo eolico, altri 5 TWh idroelettrico e un TWh dalle biomasse

Leggi anche Il Giappone alza il target delle energie rinnovabili 2030 ma con cautela

 Se tutto dovesse andare secondo i piani, il Paese si ritroverebbe con un mix coperto al 46,3% dall’idro, al 16,3% dall’energia del vento, al 12,4% dal solare e il resto dalle altre rinnovabili elettriche. Ma il vera fulcro dell’EAG non è negli obiettivi di espansione, quanto nel sistema di finanziamento. Che prevede per ogni famiglia, ad esclusione di quelle a basso reddito un tassa per l’energia. Il testo prevede anche, oltre ad un sistema di premi di mercato per i produttori da fer, specifiche misure di sostegno al revamping degli impianti e all’espansione dei sistemi di accumulo. Con 100 milioni di euro dedicati esclusivamente al teleriscaldamento verde, e altri 80 all’idrogeno e al gas “rinnovabile”. E include anche una facilitazione per l’accesso alla rete degli impianti a rinnovabili elettriche. “Stiamo diventando un pioniere in Europa con il nostro obiettivo del 100% elettricità rinnovabile”, ha commentato ministro dell’Ambiente Leonore Gewessler. “Stiamo gettando le basi per la neutralità climatica”.

Leggi anche Direttiva Energie Rinnovabili, l’UE punta ad un 40% entro il 2030

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui