Nel 2020 le rinnovabili italiane hanno coperto 1/5 dei consumi energetici

Il GSE anticipa alcuni dati del Rapporto Statistico “Energia da fonti rinnovabili in Italia – anno 2020″. Nel settore elettrico, FER al 38% dei consumi

covid 19 rinnovabili
Credits: Iuliia Burlachenko © 123rf.com

Piccolo balzo in avanti delle rinnovabili italiane ma il merito è anche della pandemia

(Rinnovabili.it) – Il 2020 è stato un anno a dir poco particolare per il settore energetico nazionale (e non solo). Prima fase di una serie di dinamiche destabilizzanti per il mercato, il 2020 ha dovuto fare i conti con chiusure di attività e blocchi alla circolazione che hanno inevitabilmente influito sulla domanda energetica. Oggi sappiamo che nei primi mesi i consumi sono crollati dando più spazio alle rinnovabili italiane rispetto le fonti fossili. Ma per avere un quadro completo di quanto accaduto sul fronte green energy bisognerà aspettare il consueto Rapporto Statistico curato dal GSE, che dovrebbe essere pubblicato nei prossimi giorni.

Ieri, tuttavia, il Gestore ha anticipato in una breve nota alcuni dei dati principali. Si scopre così che lo scorso anno le fonti rinnovabili italiane hanno coperto il 20,4% dei consumi energetici complessivi, intesi come consumi elettrici, temici e dei trasporti. Si tratta di un valore di circa due punti sopra le performance registrate nel 2019. E ovviamente bene oltre il target del 17% di fer negli usi final dell’energia richiesto all’Italia dalla direttiva comunitaria per il 2020.

Leggi anche Dlgs RED II in Gazzetta, le novità per gli incentivi alle rinnovabili

“Questa crescita – sottolinea il GSE – è strettamente legata agli effetti dell’emergenza pandemica da Covid-19: a fronte di una sostanziale stabilità dei consumi di energia da FER (21,9 Mtep), infatti, sono notevolmente diminuiti i consumi energetici totali e in particolare quelli del settore dei trasporti, che hanno registrato una contrazione complessiva del 23,5% e riduzioni ancora più rilevanti per specifici comparti caratterizzati da bassa incidenza delle fonti rinnovabili (in particolare il trasporto aereo: meno 62%)“.

gse

L’aumento più sensibile? Quello a carico del comparto elettrico dove le rinnovabili italiane hanno coperto oltre il 38% della domanda. Meno evidente la crescita del comparto termico dove la quarta del 19,9% e solo di 0,2 punti percentuali sopra a quella del 2019. La quota dei consumi nei trasporti nel 2020, infine, risulta pari al 10,7%, valore superiore al target fissato dalla Direttiva (10%).

Leggi anche Energia rinnovabile: così i Paesi UE possono trovare la loro “anima gemella”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui