Energia rinnovabile: così i Paesi UE possono trovare la loro “anima gemella”

La Commissione europea lancia la nuova piattaforma on line per facilitare i trasferimenti statistici di rinnovabili tra i paesi UE e renderli più trasparenti

energia rinnovabile
Foto di Lukas Bieri da Pixabay

Creato un modello di accordo per lo scambio “virtuale” di energia rinnovabile

(Rinnovabili.it) – I trasferimenti statistici di energia rinnovabile tra i Ventisette saranno da oggi più semplici e trasparenti. Questa la promessa che accompagna la messa on line della piattaforma digitale per lo sviluppo delle rinnovabili UE. L’applicativo è stato lanciato in questi giorni dalla Commissione europea con l’obiettivo di mettere a disposizione degli Stati membri nuovi strumenti attuativi e di pianificazione.

Nella pratica la piattaforma fornisce una panoramica dell’eccedenza nelle statistiche FER dei 27 paesi del Blocco. E presenta un “meccanismo di corrispondenza“, che mostra le opzioni per potenziali intese di trasferimento e le condizioni associate, come i volumi scambiati e il prezzo.

Leggi anche Diffusione delle rinnovabili ed elettrificazione, l’Italia balla un lento

Non solo. La Commissione ha predisposto alcune indicazioni su come preparare un accordo, fornendo anche un preciso modello d’intesa e un documento di orientamento. “Il momento è giusto, poiché la piattaforma consentirà ai paesi dell’UE di coprire le statistiche mancanti fino al loro obiettivo per il 2020 per una quota di fonti rinnovabili”, scrive l’esecutivo europeo. “Consentirà inoltre di pianificare nuovi trasferimenti, aiutandoli a mantenere la traiettoria verso gli obiettivi del 2030″.

I meccanismi di cooperazione energetica UE

Il trasferimento statistico di energia rinnovabile fa parte dei tre meccanismi di cooperazione comunitari per le green energy, definiti dalle Direttive sulle energie rinnovabili 2009/28/CE e (UE) 2018/2001. Offre la possibilità agli Stati membri di raggiungere i rispettivi obiettivi energetici  – stabiliti in ambito europeo – attraverso l’acquisto virtuale del surplus degli altri Paesi. In altre parole una quantità di energia rinnovabile viene sottratta dai progressi di una nazione verso il suo obiettivo e aggiunta a quella di un altro. Il tutto esclusivamente come procedura contabile, senza nessun trasferimento effettivo.

Leggi anche Accordo milionario per il trasferimento statistico di fer all’Irlanda

 Gli atri due meccanismi sono i Progetti comuni e i Regimi di sostegno congiunto. Nel primo caso due o più Stati membri possono cofinanziare un progetto per la produzione elettrica o termica verde  condividendo l’energia prodotta in maniera fisica o statistica. Nel secondo caso, invece, due o più paesi dell’UE possono cofinanziare un regime di sostegno congiunto per stimolare la produzione energetica pulita in uno o entrambi i loro territori. Questa forma di cooperazione può comportare misure quali una tariffa o un premio incentivante comune, oppure un regime comune di scambio di quote e certificati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui