La casa prefabbricata passiva pronta in 10 giorni

    Un’alloggio dalle prestazioni energetiche eccellenti costruito in soli 10 giorni. La casa prefabbricata australiana sorprende per la facilità di montaggio

    La casa prefabbricata passiva da costruire in 10 giorni

     

    (Rinnovabili.it) –  Arriva dall’Australia l’alloggio piccolo, prefabbricato, energeticamente eccellente e velocissimo da costruire. E’ la casa prefabbricata Castelmaine Passivhaus, progettata da CARBONlite design+build e certificata dal Passive House Institute, l’organo di controllo indipendente non a scopo di lucro per le case passive.

     

    Questa casa prefabbricata, di soli 39 mq, ha superato brillantemente tutti i test effettuati dall’organo certificatore per quanto riguarda il sistema di riscaldamento, raffrescamento, la tenuta all’aria e la ventilazione interna.

    La costruzione è iniziata in stabilimento e le pareti sono state consegnate già pronte; in cantiere è avvenuta solamente la fase di montaggio. Questo procedimento ha permesso di ridurre notevolmente i tempi, permettendo di alloggiare gli inquilini in soli 10 giorni. Un risultato sorprendente se si tiene conto delle prestazioni energetiche dell’edificio.

    La costruzione è iniziata dalle pareti esterne in legno consegnate già dotate di infissi e finestre, poi ha interessato contemporaneamente le strutture interne e la copertura. Tutte le operazioni di montaggio dell’involucro esterno sono avvenute in un giorno e un video dell’azienda mostra la velocità e la semplicità dell’assemblaggio in cantiere.

     

    La casa prefabbricata passiva pronta in 10 giorni

     

    Esteticamente la casa prefabbricata passiva si presenta come una semplice struttura bianca con una copertura inclinata aggettante ad una sola falda. La sua forma semplice in  realtà permette ottime prestazioni energetiche.

    La Castelmaine Passivhaus consuma solamente 120 kWh per ogni metro quadro abitato all’anno per riscaldamento, raffrescamento ed elettricità. E’ stata ottenuta una trasmittanza di 0,261 W/mq grazie allo strato isolante in lana e fibra di legno e la ventilazione, gestita dal sistema Lunos, è di meno di 0,6 ricambi d’aria all’ora. Un serbatoio di 4000 litri raccoglie l’acqua piovana che viene utilizzata per la pulizia e nei bagni.

    Per il riscaldamento è stata scelta la pompa di calore aria-acqua Sanden che permette alla casa prefabbricata di aver bisogno solamente di 15 kWh per metro quadro abitato all’anno.

    La Castelmaine Passivhaus è la prova che la prefabbricazione sta facendo numerosi passi avanti nel campo del greenbuilding andando sempre di più incontro alle esigenze di contenimento dei tempi e  dei consumi, fondamentali per una progettazione sostenibile e consapevole.

     

     

     

    Articolo precedenteEnergie rinnovabili, il Giappone studia i nuovi obiettivi
    Articolo successivoL’efficienza energetica cresce con le nanosfere di carbonio

    2 Commenti

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui