È tempo d’investire nella finanza verde, boom di bond sostenibili nel 2021

Secondo le ultime previsioni di Moody’s Investors Service, quest’anno le emissioni di obbligazioni verdi, sociali e sostenibili dovrebbe avvicinarsi alla cifra record di 300 miliardi di dollari.

investire nella finanza verde
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

(Rinnovabili.it) – È tempo di investire nella finanza verde e più precisamente nel mercato del debito sostenibile. Il settore, dopo un 2020 di inaspettata crescita, si appresta a segnare un nuovo record per il 2021. A pronosticarlo è Moody’s Investors Service, organismo di rating statistico del credito obbligazionario. Secondo l’azienda quest’anno le emissioni di bond sostenibili, verdi e sociali da parte delle istituzioni finanziarie e delle banche di sviluppo raggiungeranno, a livello globale, la cifra di 300 miliardi di dollari. Ossia 75 miliardi in più del dato 2020, pari ad un aumento di quasi il 30%. Gli esperti di Moody’s prevedono un rinnovato slancio soprattutto grazie alle solide misure governative di sostegno nelle principali giurisdizioni. A premere sulla crescita sarà anche un mix di nuova domanda da parte degli investitori, misure politiche e standardizzazione delle normative.

Leggi anche Arrivano i green bond italiani, la lotta climatica si paga con i Btp del Tesoro

“Ci aspettiamo che l’emissione […]  raggiunga un nuovo record quest’anno, aiutata da una crescente attenzione normativa sui fattori ESG che incoraggia un maggior numero di istituzioni finanziarie a emettere bond sostenibili”, afferma Carola Schuler, Amministratore delegato della Moody’s Investors Service. Non si tratta di una vera sorpresa. Il previsto aumento di quest’anno arriva dopo i trend 2020, che hanno visto in correlazione con la pandemia una crescita dei collocamenti di social e sustainable bond rispetto agli storici green bond (il cui volume è calato).

A livello regionale, l’Europa continua a guidare il mercato delle obbligazioni verdi, rappresentando il 49% del totale del 2020 con 50,1 miliardi di dollari di emissioni. La quota di mercato globale del continente è aumentata ogni anno dal 2016, quando rappresentava solo il 22% del totale. D’altra parte, investire nella finanza verde è divenuto più semplice nell’Unione europea dopo la pubblicazione di una Strategia dedicata, dei Green Bond Standard e della nuova tassonomia.

Leggi anche Il debito sostenibile fa faville nonostante la pandemia

Nel contempo, le emissioni del Nord America e dell’Asia-Pacifico hanno rappresentato rispettivamente il 20% e il 19% del mercato totale delle obbligazioni verdi, lasciando ad America Latina, Medio Oriente ed Africa la fetta più piccola.

I nuovi requisiti di trasparenza incoraggeranno un maggior numero di investitori, banche e assicuratori ad abbandonare le partecipazioni legate ai combustibili fossili […] Il conseguente spostamento verso investimenti più sostenibili fornirà sostegno al credito per settori come infrastrutture verdi e tecnologia a basse emissioni di carbonio”.

Articolo precedentePer rispettare Parigi, gli Stati Uniti di quanto devono tagliare le emissioni?
Articolo successivoL’Università di Trento nel progetto Foodiverse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui