Architettura in legno per il centro commerciale dedicato al design sostenibile di Foster + Partners

Sarà la tradizione giapponese ad ispirare l’architettura in legno ed il design sostenibile del prossimo edificio da 9 piani immaginato per Tokyo da Foster + Partners

architettura-legno
credits: Foster + Partners

L’architettura in legno più alta al mondo è il

(Rinnovabili.it) – A rappresentare la sostenibilità a cui punta un famoso marchio di moda giapponese penserà Foster + Partners. Il progetto per il centro commerciale Shibuya Marui sarà un’architettura in legno e design sostenibile.

Ispirato alla tradizione giapponese

L’ispirazione arriva dalla tradizione costruttiva nipponica, e sfrutterà un sistema costruttivo ingegnerizzato con legno lamellare incrociato e incollato. Il negozio di nove piani occuperà una delle vie più centrali di Tokyo trasformando anche l’affaccio sulla strada.

Essendo un Paese fortemente soggetto ai terremoti, l’architettura in legno sarà accompagnata da un sistema antisismico in acciaio.

L’uso di materiali naturali e l’attenzione ad un comfort passivo della struttura, permetteranno di ridurre il carico di emissioni dell’edificio, minimizzando il suo impatto sull’ambiente.

Leggi anche Mjøstårnet, il grattacielo in legno più alto del mondo si trova in Norvegia

David Summerfield, Senior Executive Partner, Foster + Partners, ha dichiarato: “Siamo lieti di lavorare a un progetto così innovativo e sostenibile, che è a un tiro di schioppo dal famoso Shibuya Crossing. Una struttura in legno ridurrà significativamente il carbonio incorporato nell’edificio, creando allo stesso tempo un’esperienza calda e aperta per i visitatori”.

Verde pensile e progettazione passiva

L’architettura in legno immaginata da Foster lascerà penetrare la luce naturale, minimizzando il guadagno solare. I pannelli fotovoltaici sulla copertura copriranno buona parte dei consumi, mentre un giardino pensile in copertura, destinato a ristorante, aiuterà l’involucro nelle sue prestazioni termiche.

La facciata occidentale dell’edificio, che si affaccia su Koen Dori Road, combina una struttura in legno espressa con un rivestimento di balaustre in legno. Ciò consente di ottenere un rapporto ottimale di vetratura sulla facciata, ottenendo così una significativa riduzione del guadagno solare. Il nucleo di servizio sfalsato si trova verso est, riducendo ulteriormente il guadagno di calore complessivo, mentre il rivestimento in vetro scanalato fornisce un senso di leggerezza”, annuncia Foster nel comunicato stampa che accompagna il lancio del nuovo edifici.

A livello cittadino, il centro commerciale Shibuya Marui plasmerà l’isolato, inserendo pensiline in bambù e pareti verdi verticali. La prospettiva è addirittura quella di trasformare la copertura a verde, in una fattoria alimentare urbana.

L’architettura in legno ha ormai raggiunto grandi livelli di qualità e prestazioni, sfidando le stesse altezze che fino a poco tempo fa escludevano questo materiale quale sistema portante dei grattacieli.

Articolo precedenteAcque di balneazione: in Europa la maggior parte è di alta qualità
Articolo successivoImparare a gestire l’energia, lo strumento più efficace contro il caro bollette

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui