Barcellona: facciata fotocatalitica per la riqualificazione sostenibile di D525

Il vecchio edificio D525 è stato ristrutturato inserendo una facciata fotocatalitica in moduli 3D di Krion

Facciata fotocatalitica per la riqualificazione sostenibile di D525 a Barcellona
Facciata fotocatalitica e riqualificazione sostenibile – Photo credit: Sergio Sanz (courtesy of Sanzpont) per gentile concessione di v2com

Sfruttando un processo naturale la facciata fotocatalitica purifica l’aria dagli agenti inquinanti

(Rinnovabili.it) – Innovazione e sostenibilità perfettamente integrate nella ristrutturazione dell’edificio Diagonal 525 di Barcellona che ha sfruttato le potenzialità della nuova facciata fotocatalitica, per raggiungere la certificazione LEED Gold.

Sviluppato dal team della Sanzpont Arquitectura l’intervento è stato eseguito con materiali che rispettano rigorosamente l’ambiente e la qualità della vita nell’edificio.

L’aspetto sicuramente più interessante della riqualificazione di Diagonal 525 è il nuovo involucro esterno. Per massimizzare la luce naturale sono state installate ampie finestre a tutta altezza realizzate con la tecnlogica fotocatalicita krion. Questo materiale di ultima generazione sfrutta lil processo naturale della fotocatalisi, per purificare l’aria, trasformando sostanze inquinanti ed agenti chimici in elementi innocui.

Aria pulita ed efficienza ecologica

Oltre all’azione attiva della facciata fotocatalitica, l’involucro esterno è progettatao in modo tale da sfruttare al massimo l’illuminazione e la ventilazione naturale, evitando però il surriscaldamento nei mesi estivi. Lla facciata a sud inoltre incorpora una serie di lamelle fotovoltaiche sufficienti ad alimentari 1562 punti luce per 4 ore al giorno.

Leggi anche Innovazione: Grafene e TiO2 per un nuovo cemento mangia smog

Per raggiungere la massima efficienza energetica sfruttando sia i sistemi di produzione attivi che passivi, il team di Sanzpont Arquitectur ha studiato accuratamente il clima durante tutto l’arco dell’anno. Queste indagini hanno permesso di aggiungere una copertura a verde pensile per migliorare ulteriormente l’isolamento termico. Di orientare le lamelle fotovoltaiche nella direzione più favorevole, o ancora di scegliere la facciata fotocatalitica quale elemento aggiunto di controllo della qualità dell’aria.

D525, quale nuova sede della Naturgy group, è risuscito a trasformare un anonimo edificio degli anni ’70, in un esempio virtuoso di riqualificazione edilizia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui