Rilasciata la check-list per il visto di conformità del Bonus Facciate

Dopo la lista dedicata a Superbonus e sismabonus, la Fondazione nazionale Commercialisti ha rilasciato la check-list Bonus Facciate dedicata al visto di conformità

bonus facciate
via depositphotos.com

L’obbligo del visto di conformità è stato introdotto dal dl anti-frodi

(Rinnovabili.it) – La Fondazione Nazionale Commercialisti ha rilasciato la check listBonus Facciate”, un valido aiuto ai professionisti incaricati di rilasciare il visto di conformità per questa specifica detrazione.

La lista fornisce un elenco dei documenti necessari per l’apposizione del visto ma che, come ci tiene a sottolineare la Fondazione, non rappresenta un documento esaustivo circa i controlli da effettuare.

Spetta infatti esclusivamente al professionista incaricato verificare caso per caso la conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta e che è necessaria ai fini della valida apposizione del visto di conformità”.

L’obbligo del visto di conformità e dell’asseverazione di congruità delle spese per il Bonus Facciate è stato introdotto dal Decreto legge n.157/2021, il c.d. Decreto anti-frodi, nei casi in cui il beneficiario intenda avvalersi delle opzioni per lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Leggi anche Frodi Superbonus 110%, il decreto anti-truffa stringe i controlli

Il rafforzamento delle regole è stato necessario a seguito della denuncia dell’Agenzia delle Entrate di numerosi abusi perpetrati a causa di lavori “gonfiati” se non addirittura inesistenti.

In arrivo le check-list di tutti i bonus edilizi

La check-list del Bonus Facciate fa seguito ai documenti già forniti dalla Fondazione dei Commercialisti, ma dedicati al Superbonus ed al Sismabonus.

A breve faranno probabilmente seguito anche le check-list dei restati bonus edilizi, per completare al meglio il quadro generale.

Nello specifico, il bonus facciate, “consiste in detrazione dall’imposta lorda (Irpef o Ires) per le spese relative agli interventi di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui