Fermare la fame e mitigare il climate change, il Piano della Fao per 100 città verdi

Per la ripresa post Covid-19 e migliorare il benessere della popolazione nei prossimi tre anni. Gli interventi dovranno riguardare sia il centro che le periferie, in particolare la salute delle persone e la sicurezza alimentare. Dovranno essere 1.000 entro il 2030.

città verdi
Foto di Ildigo da Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Fermare la fame come obiettivo principale. Obiettivo che si arricchisce con la volontà di trasformare i sistemi agroalimentari e contribuire al miglioramento della nutrizione. Si città chiama ‘Città verdi’, ed è il Piano della Fao – presentato nel corso di un evento ad hoc ‘Green cities to build back better for SDGs – A new powerful venture’, nel bel mezzo della 75esima sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite – che guarda dritto in faccia il percorso post Covid-19 che abbiamo davanti; e lo fa pensando al miglioramento della qualità della vita delle persone.

Almeno 100 città, dal centro alle periferie, dovranno alzare il livello della qualità di vita e migliorare il benessere della popolazione entro i prossimi tre anni: 15 metropoli, 40 città intermedie e 45 più piccole. Dovranno essere 1.000 a innalzarsi entro il 2030. I punti principali su cui basarsi sarà la salute, la sicurezza alimentare, la capacità di adattarsi e mitigare i cambiamenti climatici

“Per avere città molto più verdi, più resilienti e rigenerative, dobbiamo ripensare al modo in cui le aree urbane e periurbane vengono progettate e gestite – ha affermato il direttore generale della Fao, Qu Dongyu – ci sono rimasti soltanto 10 anni per conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Dobbiamo cambiare radicalmente prospettiva e ripensare i nostri modelli di business”.

Il nostro è un Pianeta – viene spiegato – è sempre più urbanizzato. Entro il 2050 il 70% della popolazione mondiale vivrà in aree urbane e il 90% di questa crescita avrà come protagonista l’Africa e l’Asia. Circa il 70% di tutte le risorse alimentari sarà consumato dagli abitanti delle città; e il dato continua ad aumentare. 

Nelle città moderne si consuma quasi l’80% dell’energia prodotta in tutto il mondo, si genera il 70% dei rifiuti a livello globale; inoltre sono responsabili del 70% di tutte le emissioni di gas serra.

Di conseguenza crescita demografica e rapida urbanizzazione comportano cambiamenti delle abitudini alimentari, e insieme con un aumento della domanda di beni e servizi e il consumo di risorse naturali, le amministrazioni locali incontrano sempre maggiori difficoltà; la pandemia Covid-19 – si osserva – “non ha fatto che aggiungere nuove criticità, causando interruzioni dei sistemi alimentari, perdita di posti di lavoro e un peggioramento delle condizioni di vita soprattutto nelle fasce più vulnerabili”. Con il Piano ‘città verdi’ sarà così possibile trasformare l’emergenza Covid-19 in un’opportunità di ripresa per diventare più sostenibili e resilienti, e per garantire a tutti l’accesso a un’alimentazione sana.

Il progetto delle ‘Città verdi’ prevede la creazione di una rete che tiene insieme qualsiasi tipo di città, indipendentemente dalla grandezza e dall’intensità di popolazione: il modello serve per consentire lo scambio di idee, buone pratiche e esperienze virtuose; oltre che la possibilità di sviluppare delle forme di collaborazione reciproca con trasferimento di conoscenza e competenze. Inoltre così la Fao punta a parlare in modo più diretto con i sindaci, le istituzioni e le imprese del territorio, e soprattutto donne e giovani.

Articolo precedenteLa fattoria verticale, agricoltura urbana ad alta tecnologia
Articolo successivoI 63mln di ricchi del Pianeta emettono il doppio della CO2 dei 3,1mld di poveri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui