Inaugurato il Lusail Stadium di Foster per la Coppa del Mondo in Qatar

Uno stadio sorprendente, ma semplice, capace di ospitare oltre 8000 persone senza rinunciare a comfort ed efficienza energetica. E’ il Lusail Stadium per la Coppa del Mondo in Qatar

Coppa Mondo in Qatar
credits: foster and partners

Lo stadio per la Coppa del Mondo in Qatar è stato completato grazie al supporto di Arup e Populous

(Rinnovabili.it) – Il 9 settembre è stato ufficialmente inaugurato lo stadio Lusail, progettato da Foster and Partners per la prossima Coppa del Mondi in Qatar. Lo stadio da 8000 posti, situato a 20 km dal centri di Doha, è il prescelto per ospitare la finale della World Cup FIFA.

La prima partita disputata all’interno è servita per testare le reali prestazioni della struttura, immaginata come una forma “sorprendente, ma semplice che riflettesse la funzione dell’edificio e rispondesse al clima del Qatar”.

L’aspetto ricorda quello di una “ciotola” dorata protetta all’esterno da un involucro traforato con disegni triangolari, indispensabile per aiutare a filtrare la luce del sole diretta, creando un ambiente interno ombreggiato e limitando il guadagno solare.

Il fulcro del progetto è il campo, sia visto dal punto di vista degli spettatori che dai giocatori stessi. I sedili sono ravvicinati tra loro creando un effetto quasi drammatico durante il primo ingresso nella “conca dello stadio”.

Efficienza energetica contro il caldo sole del Qatar

L’ispirazione di Foster per lo stadio di Lusail City per la Coppa del Mondo in Qatar arriva ovviamente dalla tradizione costruttiva della regione chiaramente visibile sia nelle aperture triangolari che nel colore dorato dell’involucro.

La facciata ad alte prestazioni ed il design innovativo del tetto riducono il consumo energetico, mentre un sistema di tecnologie per il raffrescamento esterno vengono utilizzate per massimizzare il comfort all’interno dello stadio. Non a caso il Lusail Stadium ha ottenuto la certificazione a cinque stelle nell’ambito del Global Sustainability Assessment System.

leggi anche Raffrescamento passivo, il sistema del MIT ha bisogno solo di un po’ d’acqua

Il tetto in rete di cavi a “ruota a raggi” si estende per 307 metri di diametro, diventando tra l’altro, il più grande tetto a rete in trazione del mondo. Il sistema costruttivo che regge la copertura, con anelli in cavi concentrici, permette di coprire vaste porzioni senza dover utilizzare colonne o altri supporti.

Utilizzando l’esperienza di ridisegnare lo stadio di Wembley con il suo arco ormai iconico, siamo incredibilmente orgogliosi di aver creato un simbolo unico e immediatamente riconoscibile per il Qatar come ospite della Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022, compresa la finale di Lusail. Insieme al nostro partner della joint venture, Arup e allo specialista sportivo Populous, riteniamo che lo stadio sarà un luogo davvero memorabile per la finale di quest’anno e molti altri eventi internazionali in futuro”.

Non senza polemiche in merito alle reali prestazioni energetiche promesse dai suoi organizzatori, la Coppa del Mondo in Qatar Fifa si avvicina e con lei il completamento delle molteplici architetture sportive che la accoglieranno.

Leggi anche Qatar, Coppa del Mondo carbon neutral? No, solo un conteggio creativo

Articolo precedenteDegradazione della plastica e acidificazione degli oceani: esiste un legame
Articolo successivoRaffrescamento passivo, il sistema del MIT ha bisogno solo di un po’ d’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui